Denunciano sversamenti nel fiume Nocella, danneggiate le auto di due ambientalisti

Giovanni Polizzi e Francesco Loria sono rispettivamente il vice presidente e il presidente dell'associazione San Cataldo Baia della legalità da anni in prima linea per salvare l'area dall'inquinamento. Il sindaco di Terrasini: "Le azioni contro questi criminali cominciano a dare fastidio"

Il colore dell'acqua del fiume Nocella ieri mattina

Danneggiate le auto del presidente e del vice presidente dell'associazione San Cataldo Baia della legalità che da anni denunciano sversamenti sospetti nel fiume Nocella. Ieri mattina Francesco Loria e Giovanni Polizzi si sono recati nella baia, al confine tra Trappeto e Terrasini, dove il fiume sfocia - come fanno di consueto dopo ogni pioggia intensa - per controllare la situazione del corso d'acqua. Anche questa volta hanno trovato quello che si aspettavano: l'acqua aveva cambiato colore diventando nera. Mentre erano impegnati nel sopralluogo qualcuno avrebbe spinto in una strada in discesa l'auto del vice presidente Polizzi (nella foto in basso - tratta dalla diretta video del Tarlo News) facendola schiantare contro un muro di cinta e danneggiato su una fiancata la vettura del presidente.

auto danneggiata-3"Approfittando del fatto che la sua auto non fosse stata chiusa - racconta Francesco Loria - hanno per prima disinserito il freno a mano e poi la marcia e infine spinta giù, probabilmente usando un altro mezzo. Anche la mia auto è risultata danneggiata su una fiancata, sicuramente urtata dallo stesso mezzo. Un grave atto intimidatorio che mira a sconvolgere ed intimidire tutti i membri dell'associazione. Evidentemente questa associazione, è diventata molto scomoda per chi in questi anni, ha smaltito illecitamente e indisturbato sostanze nocive, un business affaristico che frutta cifre da capogiro, messo in discussione dall'opera di denuncia portata avanti. Un gesto carico di vigliaccheria, che vuole seminare paure e che trova un terreno poco fertile nel gruppo San Cataldo Baia della Legalità, che si impegna oggi con maggiore convinzione e forza a portare avanti la campagna di legalità e continuare a toccare quelle nervature sensibili di questa rete tentacolare chiamata EcoMafia".

"Evidentemente - commenta il sindaco di Terrasini Giosuè Maniaci - l’azione dei volontari, dei movimenti, delle istituzioni, delle forze dell’ordine che stanno intensificando i controlli e le azioni contro questi criminali, che vorrebbero continuare a inquinare e vivere nel malaffare, comincia a dare fastidio. Insieme ai comuni di Trappeto e Partinico abbiamo allertato subito la polizia municipale che ha provveduto a fare diversi campionamenti e, insieme agli amici della Baia di San Cataldo, siamo stati in caserma dei carabinieri per testimoniare concretamente la vicinanza delle istituzioni. Infine, personalmente ho denunciato e comunicato tutti i fatti alla Guardia costiera che sono sicuro continuerà le indagini per l’individuazione dei responsabili di questa 'vergogna'".

"Combattere il crimine ambientale - conclude Francesco Loria - equivale a combattere il malaffare. Lo sapevamo, lo abbiamo sempre tenuto in considerazione che, prima o poi, questo momento sarebbe arrivato. Ringraziamo tutte le forze dell'ordine intervenute dopo la nostra segnalazione sull'ennesimo smaltimento di reflui industriali. Ringraziamo il sindaco di Terrasini Giosuè Maniaci e quello di Trappeto Santi Cosentino, per essersi subito recati al Comando della stazione dei carabinieri di Trappeto esprimendo la loro solidarietà nei nostri confronti. Noi non ci fermiamo!"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo in arrivo, attesi venti di burrasca e forti temporali: scatta l'allerta meteo arancione

  • "Tutte cose levate hai, pezza di tro...": le intercettazioni nella casa di cura delle violenze

  • Incidente mortale in viale Croce Rossa, automobilista travolge e uccide una donna

  • Conti in banca, auto di lusso e un ristorante: sequestrati beni a un 37enne di Partinico

  • Doppio pestaggio nella notte, in due picchiano le vittime mentre un terzo filma col cellulare

  • Distributore aumatico rotto e sangue ovunque, furto "splatter" all'università

Torna su
PalermoToday è in caricamento