"Massacrato di botte": omicidio di San Cipirello, si indaga sulla vita privata di Nunzio Agnello

Due le piste battute dagli investigatori e dalla Procura per il 41enne trovato morto sul marciapiede davanti a casa: una legata a un'impresa edile di cui è risultato essere titolare e una sentimentale

I rilievi della scientifica a San Cipirello (foto Sicilia Oggi Notizie)

Per la sua famiglia non ci sono dubbi: è stato tirato per i capelli e picchiato al volto, tanto da fargli perdere sangue in più punti, e sul resto del corpo. Sono due le piste battute dagli investigatori e dalla Procura per la morte di Nunzio Agnello, una legata a un’impresa edile di cui è risultato essere titolare e una sentimentale. Il 41enne è stato trovato morto lo scorso venerdì a San Cipirello, davanti a un appartamento di proprietà della famiglia che si trova in via IV Novembre 64, non distante dalla casa che condivideva con il fratello, la sorella e mamma Rosa.

Nunzio Agnello-2Dopo il rinvenimento del cadavere i carabinieri della compagnia di Monreale hanno ascoltato i parenti della vittima e un imprenditore originario di Partinico. Pare infatti che Agnello qualche anno fa avesse avviato aperto una ditta individuale (la cui sede risulta in via IV Novembre 62), ma il sospetto è che possa aver fatto da prestanome per qualcuno. La stessa ditta recentemente aveva acquistato del materiale per i lavori, in subappalto, per la realizzazione di un campetto di calcio per conto dell’Amministrazione comunale. Sullo sfondo anche un’indagine sull’impresa per un tentativo di truffa relativo a una richiesta di finanziamento.

L’altra ipotesi potrebbe riguardare una vicenda sentimentale per il quale qualcuno avrebbe deciso di pestarlo, magari spingendosi fino all’uccisione di Agnello. L'omicidio potrebbe inoltre essersi consumato in un punto diverso da quello in cui è stato rinvenuto il cadavere, dove l’assassino potrebbe averlo poi scaricato. Sulla scena del delitto i militari hanno eseguito le analisi scientifiche individuando delle tracce di pneumatici che potrebbero portare dritti verso i responsabili.

Al vaglio anche le immagini di alcune telecamere di sicurezza piazzate nella zona. Altri dettagli utili per le indagini potrebbero giungere dai dati dell'esame autoptico che sarà eseguito domattina all'Istituto di medicina legale del Policlinico, che servirà a fare luce sull'origine dei segni sul corpo del 41enne.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lite dopo gli insulti alla moglie, sparatoria allo Zen: fermato un pregiudicato

  • Zona via Belgio, si suicida lanciandosi dal quarto piano: paura davanti a una scuola

  • Si cercano portalettere, Poste Italiane assume anche a Palermo

  • Allo Zen si torna a sparare, 48enne grave in ospedale

  • Falliscono colpo in casa e si "imbucano" a veglia funebre per evitare i carabinieri, 2 arresti

  • Detenuto suicida in carcere, indagata per omicidio colposo la direttrice del Pagliarelli

Torna su
PalermoToday è in caricamento