Incidente in via Libertà, morto un cinquantenne travolto da un autobus

L'impatto è avvenuto all'altezza di via Mazzini. Il mezzo dell'Amat procedeva in direzione piazza Croci. Sul posto la polizia municipale, i vigili del fuoco e il 118. Inutili i soccorsi

Il bus coinvolto nell'incidente

Tragedia nel pomeriggio in via Libertà. Un uomo di 50 anni, Giovanni Testaverde, è stato travolto e ucciso da un autobus in via Libertà. L'impatto è avvenuto all'altezza di via Mazzini. Il mezzo dell'Amat procedeva in direzione piazza Croci. Sul posto la polizia municipale, la polizia, i vigili del fuoco e il 118. Inutili i soccorsi.

L'impatto è avvenuto a pochi metri dal marciapiede, in un punto in cui non ci sono strisce pedonali. L'uomo è rimasto incastrato sotto il bus della linea 101, è stato necessario l'intervento di una gru per rimuovere il corpo. Sul'asfalto non ci sono segni di trascinamento. Non è chiaro se stesse iniziando ad attraversare o se camminasse sul ciglio della strada. Saranno gli agenti della sezione infortunistica della polizia municipale a chiarire la dinamica dei fatti.

Le urla della famiglia: "Giovanni, non può essere vero" | Video

Via Libertà è stata chiusa al traffico, da via Archimede al Politeama, per consentire i rilievi. Testaverde faceva il muratore ed era residente al Borgo, lascia la moglie, un figlio e una figlia. Sotto shock i familiari, arrivati sul luogo della tragedia. 

E' la seconda vittima della strada in poche ore. Stamani ha smesso di battere il cuore di Maria Concetta La Fiura, la donna di 82 anni che lo scorso 21 ottobre si era schiantata con alcune auto in sosta in via Altarello.

Schianto contro alcune auto in sosta in via Altarello, anziana muore dopo 2 settimane

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (36)

  • Sono sempre tutti al telefonino e distratti nemmeno fanno le fermate o partono ancor prima che stai per scendere dal bus !

  • Avatar anonimo di Ale
    Ale

    non ho parole una al giorno ....un vigile un giorno disse palermo e una giungla diceva bene...vivo al nord da 5 anni e 30 sono stata a palermo ed e sempre la stessa la gente attraversa o guarda il cellulare o sogna ....mi dispiace per il signore ...

  • Se non ci saranno prove "schiaccianti" la colpa a chi la daranno? Considerate Posto di Lavoro, Azienda, Assicurazione e quant'altro.

    • Sarcasmo becero...

  • Da quel che ho sentito ieri sera da un amico che ha assistito all’incidente il pedone è sbucato dalle aiuole con il telefono in mano, probabilmente distratto non si è neanche reso conto che stesse già sulla corsia preferenziale :-( Riposi in pace Condoglianze alla famiglia

    • Appunto quello che dico....se potessero quelle siepi massimo a un metro di altezza, tutti vedrebbero tutti.

  • Certi commenti non hanno rispetto neanche per le disgrazie. E votate pure.

  • immenso il cordoglio per la famiglia..tutto il resto non serve nessun dibattito nessuna perizia restituira..il marito il padre alla famiglia..uma tragedia che nessuna moglie o figlio/a si aspetti mai quando l uomo di casa esce per lavoro o altro...di sicuro un vuoto incolmabile per questa famiglia..mi associo al dolore immenso di essa porgendo le mie piu sentite condoglianze dal profondo del mio cuore

  • dovete capire che chi guida un autobus è un palermitano e vi ho detto tutto.

    • Anche il pedone lo è.

      • si ma il pedone ha piu ragione deve stare attento chi ha un mezzo pesante con gente a bordo,poi se chi guida è un ex detenuto che il comune ha regalato la patente è li ha messi li senza concorso è ancora peggio

    • Ma vai a cagare.

      • Perché voi del l amat pensate di avere le macchine no un mezzo pesante con gente a bordo.

  • Senza volere entrare nel merito delle responsabilità , è un dato di fatto che in questa città ci siano troppi incidenti e troppe vittime. Cosa sta facendo il comune e tutte le autorità preposte per correre ai ripari ed evitare altre tragedie simili? La pubblica incolumità è , amzi DOVREBBE ESSERE,una delle principali preoccupazioni di uno Stato degno di questo nome. 

    • L'altra sera, in via sciuti alta, davanti a un locale frequentato da ragazzini, c'era un vero e proprio stormo di microcar da 50cc posteggiate in doppia fila, che occupavano mezza carreggiata. Ovviamente é facile immaginare l'età dei proprietari.. Così giovani, e già così incivili. Ovviamente non c'è da stupirsi; anno imparato male dai loro genitori. Questo cosa le suggerisce? Gli incidenti per strada che ammorbano il meridione NON SONO colpa della pubblica autorità. Sono colpa della inciviltà popolare. Inciviltà che si trasmette fin da piccolissimi, tramite esempio. L'autorità non è una balia. L'educazione avviene a casa. E nel meridione, la inciviltà è in generale difetto della maggioranza degli "utenti delle strade". PEDONI COMPRESI, che spesso hanno atteggiamenti più scervellati degli automobilisti.

  • aspè, il pedone è andato a schiantarsi sull'autobus...scusate l'ironia che in questo caso è infelice ma certi commenti...un pensiero al padre dei due figli

  • Vorrei rispondere ai due tizi degli ultimi commenti. È accaduta una tragedia, una persona è morta e credo nell'animo anche lo sfortunato autista. Si va a lavorare per campare la famiglia non per fare danno. È stata una disgrazia e le responsabilità verranno accertate da chi di competenza. Dispiace quando muore qualcuno tragicamente ma non si può fare un processo da piazza. Eravate li presenti? Avete visto? Come si fa a dire che l'autista deve passare le pene dell'inferno? Ma come vi permettete? Quel tratto contromano di corsia preferenziale è stato sempre pericoloso, ci sono persone che senza accorgersene attraversano guardando nella parte opposta o lo fanno con distrazione. Quante persone sono state graziate da autisti attenti e che hanno previsto le intenzioni? Questo lavoro si basa su molte previsioni, capire prima le intenzioni o indecisioni degli utenti della strada. L'autista è sempre quello preso di mira, se fa scendere o salire fuori fermata è bravo ed il numero 1 ma se non lo fa è farabutto. Condoglianze alla famiglia.

    • Ripeto, abbassate quelle siepi all'ingresso delle strisce. Creano un muro, sono alte quasi due metri, anche se c'è chi mi ha risposto con ironia. Siete stati la ieri? Avete fatto la prova a scendere per le strisce guardando verso sinistra se sta arrivando un mezzo? Non credo. Non si vede nulla. Solo se si affacciasse la testa. E un autista non può vedere nulla. Le siepi sono alte quasi due metri, sicuramente più alte di me che ho un altezza media di 1,65. Se non togliessero la visuale , una persona distratta , almeno vedrebbe qualcosa sott'occhio e tornerebbe alla realtà. Non si può isolare visivamente così autisti e pedoni nel punto di immissione Delle strisce pedonali. Prima di parlare andate a vedere di persona.

    • Concordo con lei . Sono un libero cittadino. Condoglianze alla famiglia e una buona ripresa a l’autista .

    • Bravo. Almeno uno che scriva seriamente.

    • credo pure che il pedone non camminasse nemmeno in maniera corretta, condoglianze alla famiglia. ma che i pedoni impegnano le strade senza guardare e' un dato di fatto tutto Palermitano qui le conseguenze.

    • Ero lì dopo pochi minuti, dei ragazzini mi hanno detto che il tizio era in bicicletta e ha attraversato sulle strisce poco più dietro. Non so se abbiano inventato sul momento. In ogni caso vorrei che faceste presente all'amministrazione, che quelle siepi troppo alte, tolgono qualsiasi visuale alla persona che sta per scendere dal marciapiede e nasconde il pedone a qualsiasi mezzo che cammini in corsia laterale. È assurdo quel muro di siepe. Fatele togliere. Sono loro la causa di tutto. Grazie

      • Ma non dica fesserie. Le siepi stanno bene dove stanno. Se a lei un ci piacinu, un si li taliassi.

      • Muro di siepe? Cos’e’ alto due metri? Togliamo pure gli alberi? E le aiuole per non inciampare?

      • Avatar anonimo di PIEtro
        PIEtro

        Le siepi stanno bene dove stanno. le persone civili e responsabili attraversano sulle striscie. Cavalli ed incivili scavalcano le siepi.

        • Chi ha detto che scavalcano? Sono laterali a chi sta per attraversare, dividono visivamente la strada dal marciapiede, ma nel punto di attraversamento o delle panchine non ci sono. Ma chi va ad attraversare ha una siepe a sinistra che leva la visuale. Vabbè difficile da spiegare...andate in via libertà e attraversate e lo vedete che finché non si mette piede in strada non si vede di lato. Basterebbe portarle un po'.

  • Avatar anonimo di klauss
    klauss

    ovviamente tutti subito a condannare..anche senza sapere i fatti...nemmeno la polizia li sa ma qui gia sanno tutto....per chi pensa che l autobus andasse sparato, invito a leggere l articolo...NON CI SONO SEGNI DI TRASCINAMENTO....cio significa che in ogni caso l unica cosa certa e' che l autista andava piano! 

  • Sentite condoglianze per la vittima e cercare di capire come ció sia potuto accadere

  • Per avere il parabrezza rotto andava oltre il limite di velocità.

    • Avatar anonimo di Elisabetta
      Elisabetta

      Ragazzi che erano presenti hanno detto, che il signore attraversava sulle striscie, l' unica cosa che mi chiedo: se la dinamica e' cio' che e' stato scritto nell' articolo, perche' il parabrezza dell' autobus era distrutto? Nessuna persona che viaggiava sull' autobus era ferito. Comunque, dovrebbero vietare telefonini e conversare ai conducenti. Un pensiero ai familiari della vittima. R.I.P.

  • via Libertà dovrebbe essere solo aperta ai pedoni. R.I.P. povero uomo!

  • L'importante che i vigili si mettono all'incrocio con di piazza croci con il Telelaser a prendere multe per eccesso di velocità (ricordiamo che la il limite è 30 km/h) ma per gli autobus e gli autisti non vale, loro sono immuni a queste sanzioni, se per un eccesso di velocità di 40 km/h ti tolgono la patente, per omicidio stradale che ti fanno? ti tagliano le braccia così non guidi più? La colpa purtroppo è sempre della legge italiana fatta a "muzzo" come diciamo noi. Condoglianze per la famiglia della vittima e spero che l'autista dell'autobus passi le pene dell'inferno perché sicuramente non andava a 30 km/h.

    • Invece cosa avrebbero potuto fare i vigili?

    • Avatar anonimo di Simone
      Simone

      Caro Marco prima di parlare ti devi informare bene.. gli autobus in via libertà sono sottoposti anche al telelaser , le persone attraversano senza guardare alla loro sx e spesso guardano il cel, o peggio spuntano dai cespugli come i conigli.. Dispiace molto per quel povero signore.. ma l autista non ha nessuna colpa,,, quindi evita di fare commenti futili e di dare sentenze..   

  • In quel tratto i vigili urbani multano tramite telelaser chiunque supera i 30km/h di velocità, l'autobus a quanto andava? Se andava a 30km/h credo che non avrebbe messo sotto il pedone.....! L'autobus del AMAT non vanno controllati questi con l'autovelox non fanno cassa!

  • Quella corsia è come un binario ferroviario...

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Orlando ci ripensa: "Niente sospensione della Ztl per il Black Friday"

  • Politica

    Palermo-Agrigento e passante, sindacati edili incontrano Toninelli: "A rischio 100 lavoratori"

  • Politica

    Luigi Di Maio sabato a Palermo: il vicepremier atteso anche a Corleone

  • Cronaca

    "Scaricò rifiuti pericolosi a rischio infettivo anche a Palermo": sequestrata la nave Aquarius

I più letti della settimana

  • Commercianti denunciano il pizzo, il pentito parla: 10 arresti per mafia a San Lorenzo

  • Fidanzati scomparsi da due giorni, il papà del ragazzo: "Li abbiamo trovati, stanno bene"

  • Si allontana da casa della nonna ad Altavilla: giovane scompare insieme alla sua ragazza

  • Il pestaggio di Giovanni Caruso, denunciato un trentenne: "E' lui l'aggressore"

  • Palermitano da record: "A 55 anni sono il bisnonno più giovane d'Italia"

  • Pentito telefona a Calí: "Tu numero uno degli sbirri, pronte due pistole per ucciderti"

Torna su
PalermoToday è in caricamento