menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcalendarcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcasesunnysuncloudwhitecloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfograinlightblackcloudsleetsnowcelsiuslock-openlog-outeditfiletrophy

Incidente in via Ernesto Basile, un ragazzo perde la vita

La tragedia all'altezza del Bar Massaro. Secondo una prima ricostruzione pare che il giovane abbia perso il controllo del mezzo a causa di un'auto pirata. Una donna si è costituita alla polizia

Incidente mortale in via Basile (foto Campolo)

Tragedia serale in via Ernesto Basile, all'altezza del bar Massaro. Un'incidente in moto è costata la vita ad un ragazzo di 21 anni, Claudio Buccola. Sul posto vigili urbani e la polizia. Secondo una prima ricostruzione pare che il giovane abbia perso da solo il controllo della moto di grossa cilindrata a causa un'auto pirata. Il mezzo a due ruote e il corpo del ragazzo sono ad una distanza di 30 metri circa.


 



Commenti (1)

  • Considerazione sulle Salme Mi scuso per l'aver posto questo mio scritto, all'interno di questa notizia; Non vi è alcun nesso se non quello che ho solo cercato uno spazio con qualche attinenza per esporre una mia considerazione, che spero possa essere utile in seno alla collettività. La terra ai ...vivi. Vorrei esprimere una mia considerazione sulla romanticissima... ma crepuscolare ed ...anacronistica usanza di porre i defunti nelle bare. Lo so, è argomento un po' tabù, ma ritengo necessario che qualcuno provi a dirlo: Ci può essere l'assoluto rispetto per la salma, la cerimonia, il luogo cimiteriale dove ricordarlo, rinfrescato da bei fiori; ma la bara, ...stona, è troppo grande, "invadente", non è poetica ma lugubre, e "storicamente forzata". Occorrerebbe uniformarsi TUTTI alla umile, poetica, discreta, piccola, pratica del contenitore di ceneri del caro/a estinto. L'usanza unificata darebbe il segno di un'accettazione, civile e condivisa, che non porrebbe criteri di "casi a parte privilegiati", nella Fratellanza dei vivi, coscienti e responsabili. Grazie, e mi scuso ancora per l'indelicatezza del tema.

Più letti della settimana

Torna su