Incidente a Borgo Nuovo, investito da uno scooter: undicenne in ospedale

L'impatto in via Centuripe, ancora da chiarire la dinamica. Il ragazzino è stato portato al pronto soccorso pediatrico del Cervello con varie lesioni e un trauma cranico. Feriti anche i due ragazzi che viaggiavano sul mezzo a due ruote

L'impatto in via Centuripe

Undicenne investito da uno scooter in via Centuripe. Un incidente è avvenuto oggi pomeriggio a Borgo Nuovo dove è intervenuta un'ambulanza del 118 per trasportare il ragazzino al pronto soccorso pediatrico del Cervello. "Ha riportato, oltre a un trauma cranico, lesioni a una spalla, alla testa e agli arti inferiori", spiegano dall'ospedale. Sul posto anche una volante del 113 e gli uomini della sezione Infortunistica della polizia municipale cui toccherà ricostruire la dinamica.

Stando a una prima ricostruzione il ragazzino stava attraversando la strada quando il conducente del mezzo a due ruote lo avrebbe colpito facendolo cadere per terra. A bordo c'erano due ragazzi di 20 e 21 anni, G.R. e C.S., sbalzati dalla sella all'asfalto e rimasti lievemente feriti. Non è chiaro chi dei due si trovasse alla guida. Anche per loro, soccorsi in prima battuta sul posto, è stato necessario il trasferimento all'ospedale Villa Sofia.

Più deIicate le condizioni dell'undicenne, già sottoposto a Tac ed ecografia: "E' cosciente ma dovrà restare sotto osservazione". I primi a intervenire sono stati gli agenti di una volante di polizia che hanno poi segnalato l'accaduto ai vigili e alla sala operativa del 118. Resta ancora da stabilire se l'undicenne abbia attraversato la strada sulle strisce o se sia "sbucato fuori" all'improvviso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quella notte d'amore all'Ucciardone, Graviano: "Ho fatto un figlio ed ero al 41 bis"

  • Donna di 52 anni muore al Policlinico, tensione in ospedale: familiari sporgono denuncia

  • Colpo al clan dell'Arenella, 8 arresti: c'è anche il boss accusato della strage di via D'Amelio

  • L'Arenella e lo Scotto da pagare: dallo "stigghiolaro" a Galati nella rete del racket

  • Mafia, la vedova Schifani sull'arresto del fratello: "Sono devastata, per me è morto ieri"

  • La migliore arancina di Palermo? Simone Rugiati non ha dubbi: "E' quella di Sfrigola"

Torna su
PalermoToday è in caricamento