L'incidente sulla statale 113, Anthony non ce l'ha fatta: morto dopo 4 giorni di agonia

Il fotografo di Ficarazzi - che era rimasto gravemente ferito lunedì scorso dopo essere finito fuori strada a bordo della sua Fiat Grande Punto - è morto nel reparto di Rianimazione dell’ospedale Civico. Aveva 30 anni

Anthony Di Benedetto

Anthony Di Benedetto non ce l'ha fatta. Ha lottato per quattro giorni ma poi si è arreso all'ospedale Civico. Il fotografo di 30 anni di Ficarazzi che lo scorso lunedì era rimasto gravemente ferito in un incidente sulla strada statale 113, è morto ieri. L'uomo era molto conosciuto nel suo paese per via della sua attività.

La notte della tragedia stava rientrando a casa dopo aver preso parte a un matrimonio per lavoro. Si trovava a bordo della sua Fiat Grande Punto quando aveva perso il controllo del mezzo finendo in una scarpata, nel tratto compreso tra Bagheria e Ficarazzi.

Poi i soccorsi, attivati da un altro automobilista che aveva assistito all’ultima fase dell’incidente. Quindi il viaggio disperato in ambulanza verso il pronto soccorso del Civico di Palermo - dov’era entrato in codice rosso - il ricovero nel reparto di Rianimazione e il trasferimento nel reparto di Chirurgia d’urgenza. Ma le condizioni erano subito apparse gravissime. Anthony Di Benedetto è morto nel tardo pomeriggio di ieri. Tantissimi i messaggi sulla sua bacheca di Facebook. "Un ragazzo buono, un grande amico, un grande lavoratore", scrive chi lo conosceva bene.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lite dopo gli insulti alla moglie, sparatoria allo Zen: fermato un pregiudicato

  • Zona via Belgio, si suicida lanciandosi dal quarto piano: paura davanti a una scuola

  • Allo Zen si torna a sparare, 48enne grave in ospedale

  • Si cercano portalettere, Poste Italiane assume anche a Palermo

  • Stress? Rabbia? Arriva a Palermo la Rage Room, la stanza dove puoi spaccare tutto

  • Falliscono colpo in casa e si "imbucano" a veglia funebre per evitare i carabinieri, 2 arresti

Torna su
PalermoToday è in caricamento