Scivola con la moto a Villabate, muore il titolare di una palestra

L'incidente sulla bretella che immette in autostrada. Naser Semir, 35 anni e titolare della palestra "Tiger King", ha perso il controllo della sua Suzuky a causa dell'asfalto bagnato schiantandosi sul guard-rail

Incidente in moto, morto un giovane in autostrada (foto archivio)

Incidente mortale in moto sull’autostrada Palermo-Catania all'altezza di Villabate. Pare che la causa sia da imputare alla strada bagnata. Il centauro, Naser Semir di 35 anni, sarebbe scivolato con la sua potente Suzuky per poi terminare sul guard-rail. L’incidente è avvenuto all'incirca alle 12. Sul posto è arrivata subito un’ambulanza, ma ogni tentativo di soccorso è stato inutile. Naser Semir era palermitano, suo padre era libico e la madre di Misilmeri. Era molto conosciuto in quanto titolare della palestra "Tiger King" di Villabate, dove è stata allestita la camera ardente.

Secondo una prima ricostruzione della polizia stradale di Buonfornello, fatta grazie al racconto di alcuni testimoni, pare che la moto nel curvone sia come impazzita. Il corpo di Naser è stato balzato a circa 200 metri di distanza dalla moto. I genitori del giovane al momento della tragedia si trovavano a Tripoli, capitale della Libia ancora sconvolta dopo l'uccisione di Gheddafi. Adesso per loro non sarà semplice prendere un volo e raggiungere Palermo per abbracciare per l'ultima volto il loro Naser. 

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Centro Convenienza chiude e non consegna i mobili già pagati: "Clienti truffati"

  • Folle serata allo Sperone, litiga con la moglie per i Sofficini e viene arrestato

  • L'arancina più buona a Palermo, gara alla vigilia di Santa Lucia: vince il Bar Matranga

  • Falliscono colpo in casa e si "imbucano" a veglia funebre per evitare i carabinieri, 2 arresti

  • Concerti di Capodanno, scelti gli artisti: Biondi in piazza Giulio Cesare, i Tinturia al Cep

  • "Violenza sessuale su una paziente": polizia arresta un medico

Torna su
PalermoToday è in caricamento