Miccichè se la prende con i giornalisti, l'Ordine al fianco dei colleghi

La nota dell'Odg: "Né il presidente dell’Ars, né il fratello sono indagati, ma il loro cognome ritorna 55 volte. La sua reazione lascia esterrefatti e preoccupati"

Il presidente dell'Ars Gianfranco Miccichè

"L’iniziativa del presidente dell’Assemblea regionale siciliana, Gianfranco Miccichè, che ha chiamato singolarmente i giornalisti e un editore per contestare le notizie pubblicate sull’inchiesta “Sorella sanità”, quasi fossero state inventate dai cronisti, lascia esterrefatti e preoccupati". Lo sostiene l’Ordine dei giornalisti di Sicilia, che rileva come nella sola ordinanza di custodia cautelare riguardante tra gli altri l’ex commissario Covid per la Sicilia, Antonino Candela, e l’ex direttore generale dell’Asp di Trapani, Fabio Damiani, il nome di Miccichè e del fratello Guglielmo compaiano anche in uno dei capi di accusa contro Damiani.

"Né il presidente dell’Ars, né il fratello sono indagati, ma il loro cognome ritorna 55 volte - sottolinea l’Ordine dei giornalisti di Sicilia - e alcune persone intercettate ne parlano come sponsor di Damiani: a proposito, a sproposito, millantando? Comunque stiano le cose, certamente ciò non può essere stabilito dai giornalisti. Non si capisce dunque cosa l’esponente politico, personaggio pubblico e centrale nelle istituzioni siciliane, contesti preventivamente ai cronisti, anche con toni incomprensibilmente duri e diretti, minacciando querele e chiedendo di modificare titoli e contenuti dei pezzi, quando avrebbe potuto esprimere la propria posizione e sostenere la propria estraneità alla vicenda, riservandosi eventualmente di smentire le affermazioni che lo riguardano con gli inquirenti e con gli investigatori, oltre che con i giornalisti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"L’Ordine - conclude la nota - è al fianco dei colleghi, ai quali raccomanda di non lasciarsi condizionare e di andare avanti, nel rispetto delle regole della verifica delle fonti di informazione e, laddove vi sia la disponibilità degli interessati, del contraddittorio e del diritto di replica".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'entrata da Mondello, poi il volo su via Libertà: attesa per l'esibizione delle Frecce Tricolori

  • Donna incinta positiva al Coronavirus ricoverata al Cervello: è tornata a Palermo da Londra

  • Mega rissa a Ballarò, in trenta si affrontano a pugni e sprangate: ferito anche un bambino

  • Incidente tra via Libertà e via Notarbartolo, medico cinquantenne muore dopo 10 giorni

  • Sembra un'ape ma non è, in estate arriva il bombo: come riconoscere questo insetto

  • Negativa a 3 tamponi, torna positiva al Covid: "Così sono ripiombata nell'incubo"

Torna su
PalermoToday è in caricamento