Il "gioco sporco" della mafia, 61 indagati: nel mirino la rete di Bacchi, re delle scommesse

Inchiesta “Game Over”, la Procura di Palermo ha chiuso le indagini. L'operazione il primo febbraio scorso portò all’arresto di 31 persone e al sequestro di beni immobili, società e conti correnti bancari

L'arresto di Bacchi

Associazione a delinquere di stampo mafioso, riciclaggio, raccolta abusiva di scommesse, truffa ai danni dello Stato, reimpiego e intestazione fittizia di beni, traffico di stupefacenti: sono alcuni dei reati contestati a 61 persone coinvolte nell’inchiesta “Game Over”, alle quali la Procura di Palermo ha notificato poche ore fa l’avviso di conclusione delle indagini. Ne dà notizia Agipronews.

L’inchiesta, coordinata dai pm Antimafia De Luca, Tartaglia e Picozzi, aveva portato il primo febbraio all’arresto di 31 persone e al sequestro di beni immobili, società e conti correnti bancari. Al vertice dell’organizzazione Benedetto “Ninì” Bacchi, personaggio chiave dell’inchiesta e accusato di concorso in associazione mafiosa e riciclaggio del denaro dei clan. "Assieme ad Antonio Lo Baido - scrive la Procura nell’avviso di conclusione indagini - Bacchi stringeva accordi con i capi delle associazioni criminali dei quartieri di Palermo, che avrebbero imposto le loro imprese quali unici soggetti legittimati a gestire videopoker e scommesse online”. In cambio, i due avrebbe garantito alle organizzazioni criminali “un introito fisso o calcolato a percentuale sulle entrate dell’affare”.

"L’attività di apertura di centri scommesse - spiega Agipronews - si svolgeva attraverso marchi - B2875, Onebetsport, LPSport, Aleabet - riconducibili alla società maltese Phoenix International, attualmente in amministrazione giudiziaria".  Nell’inchiesta sarebbe finita anche Leaderbet, un’altra società maltese di giochi online, sospettata di legami con la criminalità palermitana. I 61 indagati hanno venti giorni per produrre elementi di difesa che convincano la Procura ad archiviare le accuse, in caso contrario i pm procederanno con le richieste di rinvio a giudizio indirizzate al giudice per le indagini preliminari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lite dopo gli insulti alla moglie, sparatoria allo Zen: fermato un pregiudicato

  • Si cercano portalettere, Poste Italiane assume anche a Palermo

  • Allo Zen si torna a sparare, 48enne grave in ospedale

  • Falliscono colpo in casa e si "imbucano" a veglia funebre per evitare i carabinieri, 2 arresti

  • Detenuto suicida in carcere, indagata per omicidio colposo la direttrice del Pagliarelli

  • Centro Convenienza chiude e non consegna i mobili già pagati: "Clienti truffati"

Torna su
PalermoToday è in caricamento