Porticello, sorpreso mentre incendia un cumulo di rifiuti speciali: arrestato

Le manette sono scattate ai polsi di un 59enne, pregiudicato (in passato aveva commesso reati simili). L'intervento della guardia costiera dopo i numerosi roghi dolosi divampati nel porto

Porticello, guardia costiera arresta 59enne

E' stato sorpreso in flagranza di reato mentre incendiava un cumulo di rifiuti speciali in prossimità di alcune imbarcazioni ormeggiate nel porto di Porticello. Gli uomini dell’ufficio circondariale marittimo di Porticello hanno arrestato un 59enne (B.I. le iniziali). A seguito dei numerosi roghi dolosi divampati nel porto i militari della guardia costiera locale, diretta dal comandante Giulia Tassone, hanno proceduto ad effettuare accertamenti che oggi hanno consentito il fermo del principale indiziato. 

"Le indagini - spiegano dalla guardia costiera - hanno consentito di accertare che il cinquantanovenne è risultato essere un pregiudicato per avere commesso reati della stessa natura. L'uomo è stato portato stamattina nel tribunale di Termini Imerese per il giudizio direttissimo con l’imputazione formulata ai sensi dell’articolo 256 bis del Testo Unico Ambientale, per combustione illecita di rifiuti. L'uomo è stato sorpreso a bruciare rifiuti nel porto di Porticello, uno scalo di grande interesse regionale per la pesca costiera e privo, ormai da diversi anni di impianto antincendio funzionante".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scene da far west ai Danisinni, sparatoria in strada: tre feriti, coinvolta una ragazza

  • "Battute sui siciliani": milanese cacciato da un b&b in centro

  • La mafia imponeva i suoi buttafuori nei locali notturni: scattano 11 arresti

  • Suicidio in carcere, detenuto palermitano di 20 anni si toglie la vita

  • I boss decidevano i buttafuori dei locali: ecco i nomi di tutti gli arrestati

  • Precipita da una balconata: grave giovane palermitano

Torna su
PalermoToday è in caricamento