Scintille e fiamme da un condizionatore, vigili del fuoco in corso Calatafimi

Tre squadre del 115 sono intervenute in un appartamento che si trova al settimo piano del palazzo al civico 631. A lanciare l'allarme è stata la stessa famiglia che abita lì. Vigili del fuoco in azione nel pomeriggio anche a Montagna Longa

L'intervento dei vigili del fuoco in corso Calatafimi

Prima le scintille, poi le prime fiamme e il fumo in balcone. Paura per gli inquilini di un appartamento che si trova al settimo piano di corso Calatafimi 631, all’altezza dell’ex ospedale militare, dove oggi pomeriggio sono arrivate tre squadre dei vigili del fuoco. 

A lanciare l’allarme è stata la stessa famiglia che in pochi secondi si è ritrovata la casa invasa dalla puzza di bruciato. Il tempestivo intervento del personale del 115, però, è servito a scongiurare che il principio d’incendio danneggiasse il resto dell’abitazione.

Secondo una prima ricostruzione le fiamme sarebbero divampate in un balcone interno, dove sono posizionate le unità esterne delle pompe di calore. I due apparecchi erano collegati a una stessa presa che si sarebbe così sovraccaricata. Non risultano feriti ma solo qualche lieve danno.

Fra i soccorritori anche un poliziotto delle volanti che, passando in auto per raggiungere la Questura, si è reso conto che c'era un incendio. Ha lasciato l'auto per strada, ha raggiunto il settimo piano e ha bussato alla porta.

Ad aprirgli ha trovato un 46enne in stato confusionale al quale ha subito chiesto: "E' da solo in casa?". "No, c'è mio figlio a letto", gli ha risposto. Il poliziotto si è fiondato in casa, ha preso tra le braccia il bambino di appena 6 anni e lo ha portato fuori.

Nel primo pomeriggio i vigili del fuoco sono intervenuti anche a Montagna Longa per un incendio che ha interessato un’area nei pressi di Villagrazia di Carini, danneggiando un’ampia porzione di macchia mediterranea.

A complicare il lavoro dei vigili del fuoco, intervenuti con mezzi, uomini e anche un canadair decollato da Lamezia Terme, il forte vento che soffiava sull’incendio. Dopo oltre un’ora di lavoro le fiamme sono state circoscritte e infine domate.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • Basta un po' di vento da Sud... che gli indegni non perdon mai occasione ...

  • Attaccare due apparecchi di quella portata ad un'unica presa.... da eroi.

  • Meno male che esistono i vigili del fuoco, .... speriamo che qualcuno non li voglia togliere come la forestale !!

    • Solo un folle può..

Notizie di oggi

  • Mafia

    Il tesoriere di Totò Riina ora è libero: Vito Palazzolo affidato in prova ai servizi sociali

  • Cronaca

    Ha investito e ucciso un uomo in via Roma, ventenne ai domiciliari per due mesi

  • Cronaca

    Lo Zen si ferma per i funerali di Antonino e Giacomo Lupo: "Per sempre nei nostri cuori"

  • Cronaca

    Bellolampo, scongiurata l'emergenza: si continua a conferire i rifiuti nella sesta vasca

I più letti della settimana

  • Omicidio allo Zen, sparatoria in strada: morti padre e figlio

  • Incidente mortale in via Roma, con l'auto uccide pedone e poi scappa

  • Gli omicidi dello Zen, un giovane si costituisce: "Sono stato io a sparare"

  • Omicidio nella notte: ucciso con un colpo di pistola in via Gaetano Costa

  • Il killer che parla, i 12 spari al tramonto e il silenzio dello Zen: "Una lite dietro l'omicidio"

  • Le salme di Tonino e Giacomo Lupo tornano allo Zen, il reo confesso: "Mi sono difeso"

Torna su
PalermoToday è in caricamento