Corso Calatafimi, incendiano l'auto di un rivale: incastrati dal video

Un uomo ha assoldato due giovani della zona Papireto per vendicarsi di piccoli screzi. Sono scattate tre denunce: il gesto punitivo è stato ripreso da due telecamere sistemate davanti ad alcuni esercizi commerciali

Un fotogramma del video

Hanno incendiato l'auto di un rivale per una "piccola" vendetta. Ma non hanno fatto i conti con un paio di telecamere piazzata davanti a un negozio (GUARDA IL VIDEO). Gli agenti di polizia del commissariato Zisa di Palermo hanno denunciato tre giovani di 27 anni, 18 e 17 anni per danneggiamento aggravato. I tre lo scorso primo ottobre sono arrivati a bordo di una vettura in corso Calatafimi e hanno dato fuoco all’auto di un rivale per vendicarsi di piccoli screzi.

Poi la fuga. I tre malviventi per una settimana hanno pensato di averla fatta franca. Ma quando ormai stavano dimenticando la vicenda è arrivata la doccia gelata. Denunciati perché il loro gesto punitivo è stato ripreso da due telecamere sistemate davanti ad alcuni esercizi commerciali. Grazie alle immagini gli investigatori sono riusciti a risalire prima all’autista della mini-banda. Che ha raccontato tutto: per vendicarsi di un rivale ha assoldato due giovanissimi del quartiere Papireto, promettendo loro 200 euro a testa per dare fuoco alla vettura.

Le immagini parlano chiaro: i due piromani hanno anche rischiato di essere investiti dalla fiamma di ritorno. A spegnere il rogo sono stati alcuni metronotte che hanno spento le fiamme con un estintore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • Blitz antimafia a Belmonte Mezzagno, quattro arresti: "In carcere il nuovo capo"

Torna su
PalermoToday è in caricamento