Notte tra le fiamme: incendi a Monreale e Montelepre, evacuato villaggio a Calampiso

Il fuoco, alimentato anche dal forte vento di scirocco, ha minacciato anche le case. Squadre del 115 impegnate per diverse ore. Nella località vicino a San Vito circa 750 ospiti, tra cui tanti palermitani, sono stati messi in salvo via mare da guardia costiera e barche private

Incendio a Montelepre

Caldo torrido, vento di scirocco e fiamme. E' stata una notte di lavoro per i vigili del fuoco, impegnati su più fronti nei comuni della provincia. Gli incendi più vasti a Monreale, Montelepre e Alia. Il fuoco, alimentato anche dal forte vento, ha minacciato le abitazioni. Le squadre del 115 hanno lavorato per diverse ore. Intorno alle 12,30, un rogo ha interessato un terreno prossimo alla carreggiata della Palermo–Sciacca, in corrispondenza del km 45,400, all’altezza di Monreale. Sul posto è intervenuto anche il personale dell'Anas per gestire la viabilità e per ripristinare la normale circolazione nel più breve tempo possibile. Il traffico, provvisoriamente bloccato, verso le 15,30 è tornata regolare in entrambe le direzioni.

Un incendio è divampato anche sulle colline sopra Calampiso. Le fiamme hanno minacciato diverse villette del villaggio turistico a pochi passi da San Vito Lo Capo, che è stato evacuato. Circa 750 le persone, tra le quali diversi palermitani, che hanno abbandonato la struttura bordo di gommoni e barche.

La Sicilia è a quota 53 incendi nel 2019, l'allarme di Coldiretti: "E' emergenza"

I turisti protestano perchè non ci sarebbe un allarme per le emergenze. "Abbiamo saputo delle fiamme con il passaparola - racconta su Facebook uno di loro - e siamo scesi in spiaggia. C'erano già motovedette della Guardia costiera e della finanza. C'erano anche pescherecci e barche turistiche. Il prefetto ha dato ordine di sgombero e abbiamo abbandonato il villaggio".  "Stanotte eravamo circa mille e siamo stati ospitati al teatro di San Vito - dice un altro ospite -, poi alle 7 è cessata l'emergenza e siamo rientrati. C'è fuliggine ovunque. Pompieri e guardia forestale stanno ancora lavorando. Due canadair e un elicottero volano sulle nostre teste per i lanci d'acqua. Le fiamme si sono fermate al Torrione". Una scena simile a quella vissuta a luglio dello scorso anno.

Incendio Calampiso-4

"Ci sono stati momenti di paura, ma siamo riusciti a mantenere la calma e a portare in salvo in poco tempo tutti i turisti". Racconta all'Adnkronos Leandro Lupo, un animatore del villaggio turistico. "L'allarme è scattato poco dopo l'1.30 - racconta Leandro, ancora  scosso per la notte appena trascorsa - Noi animatori stavamo facendo la solita riunione di preparazione del giorno dopo. All'improvviso ci siamo accorti che la montagna attorno al villaggio era tutta infuocata. Abbiamo subito avvertito la reception e i responsabili". In pochi minuti gli animatori del villaggio hanno svegliato tutti i turisti bussando nelle loro stanze. "Li abbiamo portati tutti in piscina - dice - In un primo momento sembrava che la situazione fosse tornata regolare, perché non vedevamo più il fuoco. Ma alle due la situazione è di nuovo peggiorata, il fuoco era sempre più vicino. Così siamo scesi tutti a mare. Nel frattempo erano arrivate le barche per portare via turisti".

I primi a salire sulle imbarcazioni sono state le donne e i bambini, come racconta ancora Leandro. Gli animatori hanno dato una mano ai turisti. Tranne i minorenni, "che sono sotto la nostra tutela e così abbiamo deciso di farli andare via con le barche", dice. Intorno alle 6 "è arrivato il maresciallo dei carabinieri per avvertirci che l'evacuazione poteva essere fatta anche via terra perché l'incendio era stato spento - dice ancora il giovane animatore - Ma intorno alle 8 ci hanno telefonato gli altri animatori che avevano accompagnato i turisti per dirci che avevano avuto l'ok dalle forze dell'ordine per rientrare in pullman nel villaggio".

Nella notte è stato attivato in Prefettura a Trapani il centro di coordinamento soccorsi con le forze dell'ordine, la Protezione civile regionale, i vigili del fuoco, l'ispettorato e l'azienda forestale. "Le operazioni di spegnimento, rivelatesi complesse e articolate per il vento di scirocco, hanno interessato una zona adiacente alla Riserva Naturale dello Zingaro e hanno richiesto la presenza sul posto di diverse squadre e mezzi dei vigili del fuoco, dell'ispettorato forestale, delle forze dell'ordine e dei volontari della Protezione vivile", dicono dalla Prefettura. Questa mattina l'incendio è stato domato e intorno alle 8 gli ospiti sono stati riaccompagnati in pullman nel villaggio.

Potrebbe interessarti

  • Api, vespe e calabroni non si uccidono ma si allontanano: ecco i rimedi naturali

  • Igiene in casa, ogni quanto si devono cambiare (davvero) lenzuola e asciugamani

  • Cactus mania, avere piante grasse in casa non è solo bello ma fa anche (molto) bene

  • Bonus casa a chi ristruttura, detrazioni fiscali per l'acquisto di mobili e condizionatori

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia fra Palermo e New York, 19 arresti: decapitato mandamento di Passo di Rigano

  • Morto noto commerciante palermitano, era lo zio di Eleonora Abbagnato

  • Via D'Amelio, incontro in Questura: arriva Gigi D'Alessio e Fiammetta Borsellino va via

  • San Vito Lo Capo, ragazzo monrealese di 20 anni cade dagli scogli e muore

  • Mafia, blitz tra Palermo e New York: i nomi degli arrestati

  • Lo Stato mette in (s)vendita i suoi tesori: ci sono 36 case in viale del Fante

Torna su
PalermoToday è in caricamento