giovedì, 24 aprile 16℃

Da armeria a centro aggregativo: inaugurato il “Cantiere delle Idee”

Gli ex locali della famiglia mafiosa Lo Cascio diventano un punto di riferimento per la legalità nel cuore della Guadagna: accoglierà i bambini del quartiere, con un occhio di riguardo per i diversamente abili

Riccardo Campolo28 ottobre 2011

E' stato inaugurato ieri pomeriggio il centro aggregativo "Cantiere delle Idee", nel cuore della Guadagna, in via Orsa Maggiore 16/a. Alla presenza delle istituzioni e di tutti coloro che hanno partecipato attivamente alla riabilitazione di quel posto, si è brindato e festeggiato per avere dato una funzione sociale ad un posto che fu l'armeria della mala.

Dopo l'arrivo del vice sindaco Pippo Enea, dell’assessore alle Attività sociali Raoul Russo, l'assessore regionale alle Politiche sociali Andrea Piraino, il numero uno dell'Unicredit Sicilia, Roberto Bertola, il consigliere comunale Vincenzo Tanania e il consigliere della terza circoscrizione, Gaetano Merlo, si passa ai ringraziamenti e alla benedizione di padre Messina. Per l'occasione sono accorsi amici, parenti e gente del rione per vedere aprire un centro importante per l'educazione e la crescita dei bambini, con particolare attenzione per i bambini diversamente abili.

La responsabile del centro, Loredana Lo Nero, ha ringraziato con gioia tutti i presenti, le istituzioni e soprattutto coloro che si sono sbracciati in prima persona per la realizzazione del progetto: "Un grazie alle istituzioni che hanno permesso che tutto ciò diventasse realtà afferma Lo Nero - ma un grazie ancora più sentito per chi ci ha aiutato fisicamente, per chi si è rimboccato le maniche, per chi ha piantato i chiodi e verniciato le pareti. Un grazie a chi ha fatto questo immenso regalo per ai bambini e alla città. C'è chi si defila, chi evita le luci del flash, come i consiglieri Merlo e Tanania, come Piergiorgio Arena, ma soprattutto a loro devo molto".

Annuncio promozionale

L'emozione sui volti era tanta, ognuno dei presenti sapeva di partecipare ad un momento importante, per la legalità, per i bambini della zona e per la città tutta. "Sono quasi commosso in questo momento, durante il quale un luogo di morte diventa ufficialmente una piccola isola serena - spiega Vincenzo Tanania -. Chi è cresciuto in queste zone sa cosa vuol dire. È fondamentale avere forza di volontà, soprattutto in questi quartieri difficili, dove un'associazione come questa può rappresentare una svolta, l'inizio di un cammino virtuoso per i giovani".
 

Vincenzo Tanania
Villagrazia
attività sociali

Commenti