Viola decreto espulsione e torna in città, arrestato pregiudicato marocchino

Si era nascosto tra i migranti giunti ieri al porto. A suo carico un provvedimento firmato dal prefetto di Torino che gli vietava di tornare in Italia per tre anni

L'arrestato

Un pluripregiudicato di nazionalità marocchina è stato arrestato dalla polizia per avere violato il decreto di espulsione emesso a suo carico. L'uomo - M.A. di 38 anni - si era nascosto tra i migranti giunti in città ieri pomeriggio dopo essere stati soccorsi nel Canale di Sicilia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La sua presenza non è sfuggita agli agenti dell'ufficio immigrazione, che hanno effettuato ulteriori controlli. E' emerso che lo scorso anno era stato emesso un decreto di espulsione da parte del prefetto di Torino che  vietava di tornare in Italia per tre anni. L’uomo - secondo quanto reso noto - aveva inoltre diversi “alias” ed era stato arrestato in passato in varie parti d’Italia, per furti e reati contro il patrimonio. I poliziotti lo hanno condotto presso le camere di sicurezza della Questura. Il giudice ha convalidato l'arresto e ha disposto la misura cautelare dell'arresto in carcere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mazzette per pilotare appalti da 600 milioni, trema la sanità siciliana: 10 arresti

  • Tragedia per una mamma palermitana: bimbo di 10 anni muore incastrato in un cassonetto per indumenti

  • L'incidente di Bonagia, lacrime a "Dallas": morto diciottenne

  • E' subito folla alla Vucciria, Taverna Azzurra quasi come in periodo "pre-Covid"

  • Coronavirus, finalmente ci siamo: per la prima volta zero contagi in Sicilia

  • Fallito attentato all'Addaura, la rivelazione: "Ecco chi tradì Giovanni Falcone"

Torna su
PalermoToday è in caricamento