Imbrattano "per divertimento" busto dedicato a vittima di mafia: denunciati

La polizia a Corleone ha identificato due minorenni autori dell'atto vandalico, avvenuto lo scorso 18 dicembre. Si tratta di due fratelli che avevano preso di mira il monumento di Bernardino Verro, sindaco ucciso nel 1915

Il monumento dedicato a Verro

Imbrattano busto di bronzo dedicato a una vittima di mafia e vengono denunciati. La polizia a Corleone ha identificato due minorenni autori dell'atto vandalico, avvenuto lo scorso 18 dicembre. "Un episodio - spiegano dalla questura - che in paese aveva destato indignazione e che era avvenuto nella centrale piazza Nascè". I ragazzini, si tratta di due giovani fratelli, avevano preso di mira il busto dedicato a Bernardino Verro, sindaco di Corleone, ucciso dalla mafia nel 1915.

"A seguito di quanto accaduto e dell’allarme generato dalla grave condotta degli autori - dicono dalla polizia - gli agenti  del commissariato locale hanno immediatamente avviato le indagini sul territorio e nel breve volgere di pochi giorni è stato così accertato che ad imbrattare il busto fossero stati due giovanissimi fratelli corleonesi, individuati attraverso la visione delle immagini di alcuni sistemi di videosorveglianza della zona. Poi la confessione in commissariato: uno dei fratellini ha detto che entrambi avrebbero colpito il busto, imbrattandone il volto, mentre giocavano tra di loro a lanciare “per divertimento” della pasta di pizza recuperata dai rifiuti di un vicino esercizio commerciale". I due sono stati denunciati "per il reato di deturpamento e imbrattamento di cose altrui".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quella notte d'amore all'Ucciardone, Graviano: "Ho fatto un figlio ed ero al 41 bis"

  • Colpo al clan dell'Arenella, 8 arresti: c'è anche il boss accusato della strage di via D'Amelio

  • Donna di 52 anni muore al Policlinico, tensione in ospedale: familiari sporgono denuncia

  • Mafia, la vedova Schifani sull'arresto del fratello: "Sono devastata, per me è morto ieri"

  • La migliore arancina di Palermo? Simone Rugiati non ha dubbi: "E' quella di Sfrigola"

  • L'Arenella e lo Scotto da pagare: dallo "stigghiolaro" a Galati nella rete del racket

Torna su
PalermoToday è in caricamento