Minaccia guardia giurata palermitana dopo furto, ma poi ingoia il coltellino

E' successo a Bologna. Protagonista della vicenda un cittadino tunisino di 23 anni, sorpreso da un vigilante palermitano 43enne all'uscita di un supermercato con delle bottiglie di superalcolici nello zaino

L'ha ingoiato, all'improvviso. Coda singolare a un intervento della polizia ieri mattina a Bologna. Protagonista della vicenda un cittadino tunisino di 23 anni, sorpreso da un vigilante palermitano all'uscita di un supermercato con delle bottiglie di superalcolici nello zaino.

Alla richiesta di riconsegnare quanto asportato il giovane si sarebbe prima fatto cordiale, per poi estrarre insieme al maltolto, anche un coltellino svizzero, per poi minacciare la guardia giurata, un palermitano di 43 anni.

Informato però che la volante stava per arrivare, il ragazzo ha deglutito il coltellino ripiegato, cercando poi di spiegare ai poliziotti l'inesistenza delle minacce proferite poco prima. Poco dopo però il 23enne si è sentito male, ed è stato portato in ambulanza al pronto soccorso. Il giovane ha però rifiutato le cure, e quindi è stato portato in carcere nella sezione infermieria, in attesa della convalida dell'arresto per furto aggravato e minacce.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

Torna su
PalermoToday è in caricamento