Lotta, coraggio e passione: 21 anni fa moriva Graziella Vistrè, femminista ante litteram

A Bagheria iniziativa per ricordare la leader del movimento sindacale e la politica. Un dibattito e l'anteprima nazionale dello spettacolo "Sole d'inverno, storie di donne, arance e lotte"

Graziella Vistrè

Leader sindacale, organizzatrice delle lavoratrici agrumaie e prima donna a fare politica a Bagheria. Un'icona femminile e della cultura popolare siciliana. Graziella Vistrè,  nata nel 1912 a Gela e morta il 13 aprile del 1997 a Palermo,  anticipatrice delle lotte per la parità dei sessi, è stata segretaria prima della Camera del Lavoro di Bagheria, la sua città, dove visse per cinquant'anni, e poi di Lentini, e fu anche consigliere comunale, asssessore, dirigente del Pci e tra le  fondatrice dell'Udi in Sicilia. La Cgil oggi ricorda questa protagonista del movimento sindacale  con un dibattito su “Graziella Vistrè, il coraggio e la passione” che si terrà alle 15,30 al cine Teatro Roma, in via Roma, 8, a Bagheria. Al dibattito intervengono: Maria Concetta Balistreri, Maurizio Calà, Enzo Campo, Adele Cinà e Dario Fazzese.  

E  alle 17, nella stessa sede, andrà in scena l'anteprima nazionale dello spettacolo di Artea teatro Sole d'inverno, storie di arance, donne e  lotte, con Alessio Di Modica (ingresso libero),  prodotto in collaborazione con l'Udi e e col contributo scientifico del Crea (centro di ricerca per l'agrumicoltura)  di Acireale e realizzato con il contributo di Spi, Flai e Cgil Palermo.   

Una donna dell'inizio del secolo scorso che fumava le Alfa e  che riempiva le pareti della Camera del Lavoro con le mappe toponomastiche della città,  spiegando fino a notte fonda, alle compagne che l'attorniavano, l'importanza del  piano regolatore e urbanistico.  Riuscì a far eleggere alcune donne nel comitato direttivo della Camera del Lavoro e altre come rappresentanti dei magazzini. Nel '62 lasciò Bagheria e si trasferì a Lentini dove diventò segretaria della Camera del Lavoro, consigliera comunale dal 1965 al 1980 e per dieci anni assessore alla Solidarietà sociale. E' morta a Palermo, dove risiedette negli ultimi anni della sua attività lavorativa. La Camera ardente fu allestita a Bagheria,  alla Camera del Lavoro,  e a Bagheria  è stata sepolta. Sulla sua tomba c’è scritto “Le lotte in difesa del lavoro sono una garanzia per la conquista del diritto ad una vita civile.”  

“L’attività produttiva negli anni 40-50 a Bagheria era quella del settore agrumicolo e Graziella Vistrè  fu un punto di riferimento certo non soltanto per i braccianti ma per tutti i lavoratori – dice il segretario generale Cgil Palermo Enzo Campo -  Aveva una grande capacità di coinvolgimento e fu un dirigente confederale a tutti gli effetti. Oltre alle battaglie sindacali contrattuali organizzò le battaglie per la casa, organizzò le donne nel partito e nel sindacato, facendole anche  partecipare a una  manifestazione a Roma per la pensione alle casalinghe. E  nel ’66, durante uno scontro tra polizia e braccianti in sciopero a Lentini, Graziella organizzò in pochissimo tempo un corteo di donne che riuscì a bloccare una battaglia che aveva già causato decine di feriti e di arresti”.  

La Cgil non l’ha mai dimenticata. “Nel decennale della morte avevamo chiesto alle amministrazioni di Bagheria  e Lentini l’intitolazione di una via cittadina. Ma non è stato dato seguito alla richiesta. In queste settimane è stata reiterata la richiesta  e il sindaco ha dato la sua disponibilità – aggiunge Adele Cinà, segretario della Camera del Lavoro di Bagheria - A Bagheria, così come a Lentini  la ricordano come una donna riservata ed autorevole, sempre impegnata a difendere chi subiva un sorpruso o rivendicava un diritto, amata e rispettata per la passione che metteva nel suo lavoro politico e sindacale.  Una donna rigorosa che ha ascoltato solo la voce del suo cuore e le sue convinzioni e quando ebbe contrasti con il partito non abbassò la testa e non cambiò opinione ma piuttosto lasciò Bagheria e andò a Lentini dove c’era un bracciantato consistente e uno scontro sociale forte con il padronato”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il ricordo di Graziella Vistrè è così l'occasione per la Cgil di fare conoscere ai giovani una  figura femminile che ha dedicato la sua vita alla causa del riscatto del mondo del lavoro e delle donne, anche a costo di grandi sacrifici e rinunce personali. “Le donne – aggiunge Maria Concetta Balistreri, segretario generale Spi Cgil Palermo - hanno rappresentato e rappresentano un elemento fondamentale di qualsiasi processo democratico.  Nessun cambiamento sociale è mai stato e mai sarà possibile se le donne, che danno alla politica e all'impegno sociale molto più di quarto ricevono,  non ne sono  protagoniste”. “Graziella Vistrè, negli anni Cinquanta – prosegue la Balistreri - precorrendo i tempi delle battaglie femministe per l’emancipazione,  fu esempio di coraggio e determinazione e, a Bagheria prima e a Lentini dopo, fu protagonista di una importante lotta per la libertà, il lavoro, l’istruzione, la casa,  allo scopo di migliorare la qualità della vita dei lavoratori, delle donne e delle famiglie”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto al largo di Palermo, scossa di magnitudo 2.7 avvertita dalla popolazione

  • Via dell'Arsenale, donna si lancia dal balcone e muore

  • Malore mentre fa il bagno al mare, morta una donna a Mondello

  • Figlia morta dopo il Gratta e vinci perdente: chiesta condanna a 6 anni per la mamma infermiera

  • Con lo scooter investì e uccise un anziano e il suo cane, morto un trentenne

  • Suicidio all'Uditore, cinquantenne si getta dalla finestra e muore

Torna su
PalermoToday è in caricamento