Villa Sofia-Cervello cerca medici: al via concorso per posti a tempo determinato

Il bando, già pubblicato sul sito aziendale, scade il 12 settembre. Il direttore generale Walter Messina: "Vi sono diverse Unità operative sotto organico che hanno notevoli difficoltà nel portare avanti la loro attività"

"Grave carenza di medici in diverse unità operative complesse" e la direzione strategica di Villa Sofia-Cervello lancia un'articolata selezione pubblica, aperta a dirigenti medici di varie branche.

Via libera al bando di concorso per titoli e colloquio per la formulazione di graduatorie per il conferimento di incarichi di dirigente medico a tempo determinato. Una procedura necessaria per assicurare livelli essenziali di assistenza, considerato che le vecchie graduatorie hanno esaurito la loro efficacia a seguito di una completa utilizzazione o anche perché non si è riuscito a reclutare personale dalle graduatorie di altre aziende.

"I profili professionali richiesti riguardano la Cardiologia, la Cardiologia con competenza in emodinamica, Cardiologia con competenze specifiche in elettrofisiologia/elettrostimolazione, Ematologia ad indirizzo oncologico e Pneumologia, oltre ad una selezione pubblica per un incarico di dirigente medico con specializzazione di Medicina legale e delle assicurazioni per l'Unità operativa Affari generali.

Il bando - spiega la direzione dell'ospedale - è già stato pubblicato nella sezione concorsi del sito aziendale www.ospedaliriunitipalermo.it e scade il 12 settembre. "Vi sono diverse Unità operative sotto organico che hanno segnalato notevoli difficoltà nel portare avanti la loro attività proprio per la carenza di Dirigenti medici - sottolinea il Direttore Generale Walter Messina -. Ecco dunque il via a questa selezione che contiamo di esperire in tempi brevi, in attesa di definire l'iter che ci condurrà prima all'atto aziendale e poi alla nuova dotazione organica e al nuovo piano di fabbisogno del personale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpo al clan dell'Arenella, 8 arresti: c'è anche il boss accusato della strage di via D'Amelio

  • La migliore arancina di Palermo? Simone Rugiati non ha dubbi: "E' quella di Sfrigola"

  • Giro di escort in pieno centro: facevano prostituire 10 palermitane, tre arresti

  • Mafia, la vedova Schifani sull'arresto del fratello: "Sono devastata, per me è morto ieri"

  • Sospetto caso di Coronavirus, mascherine e fuggi fuggi al pronto soccorso del Cervello

  • L'Arenella e lo Scotto da pagare: dallo "stigghiolaro" a Galati nella rete del racket

Torna su
PalermoToday è in caricamento