Ha lavorato al Palazzo di Giustizia per 31 anni: Pignatone ora va in pensione

Arrivò nel 1977 come sostituto procuratore alla Procura della Repubblica. Incriminò Vito Ciancimino, ex sindaco di Palermo poi condannato per mafia, e nel 2003 mise sotto indagine Totò Cuffaro

Dal 9 maggio prossimo Giovanni Pignatone andrà in pensione. La delibera per il collocamento a riposo per raggiunto limite di età di Pignatone è stata approvata questa mattina dal plenum del Consiglio Superiore della Magistratura.

Si ritira dunque Pignatone, classe 1949, che a Palermo ha lavorato al Palazzo di giustizia per oltre 30 anni. Arrivò nel capoluogo siciliano nel 1977, come sostituto procuratore alla Procura della Repubblica. Nel 1991 Giovanni Falcone nei suoi diari scrisse di forti contrasti con lui, che lo costrinsero ad andare via da Palermo. Pignatone ha collaborato con Giancarlo Caselli nei primi anni della sua Procura (1993-1996) contribuendo con Francesco Lo Voi e Alfonso Sabella a catturare diversi latitanti di mafia.

Ha collaborato poi a lungo con Piero Grasso e con lui fu nominato nel 2000 Procuratore aggiunto. A Palermo ha portato a termine numerose indagini contro Cosa Nostra facendo condannare vari capi e gregari della criminalità organizzata siciliana. Incriminò Vito Ciancimino ex sindaco di Palermo poi condannato per mafia e nel 2003 mise sotto indagine Totò Cuffaro, allora Presidente della Regione Siciliana, poi condannato definitivamente a 7 anni per favoreggiamento aggravato a Cosa Nostra.

Dal 2012 è procuratore della Repubblica del tribunale di Roma. Il consigliere di AreaDG Giuseppe Cascini, già sostituto procuratore a Roma, ha ricordato in assemblea il percorso professionale di Pignatone: “In passato la Procura di Roma ha avuto fama di ufficio giudiziario opaco, colluso con il potere. Ne abbiamo passate tante. Nel 2012, però, è arrivato il Procuratore Pignatone e ha cambiato la storia di quell’Ufficio. La credibilità della Procura di Roma è stata ampiamente recuperata grazie al suo lavoro. E’ uno dei magistrati più seri e preparati con cui abbia mai lavorato”.

Anche il Pg della Cassazione Riccardo Fuzio ne ha tratteggiato l’esemplare percorso professionale ai vertici delle procure di Palermo, Reggio e Roma, dove ha condotto indagini “con rigore e massimo rispetto delle regole. In ogni Ufficio ha fatto prevalere un’impostazione coerente con i suoi criteri, anteponendo sempre l’immagine dell’Ufficio al protagonismo dei singoli”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Ce ne faremo una ragione.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    La loggia segreta di Castelvetrano, lo sfogo che incastra Cascio: "Quello mi dice il discorso"

  • Cronaca

    Bellolampo, rimane col braccio incastrato nel nastro trasportatore: operaio si frattura il polso

  • Politica

    Rifiuti, proposta dell'Anci: "Tari nella bolletta della luce per evitare il dissesto dei Comuni"

  • Cronaca

    In diecimila in piazza per ricordare le vittime di mafia: "Uniti si vince"

I più letti della settimana

  • Incidente mortale in via Roma, con l'auto uccide pedone e poi scappa

  • Omicidio nella notte: ucciso con un colpo di pistola in via Gaetano Costa

  • Gli omicidi dello Zen, un giovane si costituisce: "Sono stato io a sparare"

  • Il killer che parla, i 12 spari al tramonto e il silenzio dello Zen: "Una lite dietro l'omicidio"

  • Le salme di Tonino e Giacomo Lupo tornano allo Zen, il reo confesso: "Mi sono difeso"

  • Scoperta loggia segreta che condizionava la politica: 27 arresti, c'è Francesco Cascio

Torna su
PalermoToday è in caricamento