Medico morto mentre andava dai "suoi" bimbi: "A lui sarà dedicato un reparto"

Giuseppe Liotta, pediatra palermitano, è stato ritrovato senza vita dopo 4 giorni di ricerche. Il commissario dell'Asp Candela: "Esempio di medico serio, preparato e scrupoloso. Un giorno di grande tristezza". L'ordine dei medici: "Aiuteremo la famiglia"

Giuseppe Liotta

Giuseppe Liotta è stato travolto dal fango mentre stava andando a lavorare in ospedale a Corleone dove faceva il pediatra. Dopo quattro giorni di ricerche questa mattina il suo corpo è stato ritrovato senza vita in un vigneto a 10 chilometri della sua auto. Per ricordare "il suo esempio di medico serio, preparato e scrupoloso" il commissario dell'Asp di Palermo, Antonio Candela, ha deciso di intitolargli il reparto di Pediatria dell’ospedale Dei Bianchi di Corleone.

Fine delle speranze: trovato morto il medico disperso a Corleone

"E’ un giorno di grande tristezza e di profonda commozione per la nostra azienda che aveva avuto la possibilità di conoscere ed apprezzare le grandi doti umane e professionali di Giuseppe Liotta - ha detto Candela -, l’intera Asp con tutto il suo personale in questo momento di dolore si stringe alla famiglia ed a tutti i colleghi che hanno affiancato Giuseppe nel suo brillante percorso professionale”.

L'ordine dei medici: aiuti per la famiglia

I medici di Palermo in lutto dopo la notizia della drammatica morte del collega Giuseppe Liotta. I consiglieri dell'Ordine dei medici di Palermo, riuniti in seduta straordinaria, si stringono attorno al dolore della famiglia: "Vogliamo ricordarlo quale simbolo di tenacia e impegno di un'intera categoria perché un medico, superando anche le proprie paure, è sempre pronto a prestare le sue cure ovunque serva la sua presenza, mettendo a repentaglio anche la propria vita. Ed è ciò che Giuseppe ha fatto". Così il presidente dell'Omceo di Palermo, in rappresentanza di tutti i consiglieri.

"La notizia della sua morte dopo giorni di ricerca - aggiungono i consiglieri - ha portato un grande dolore in tutti coloro che lo hanno conosciuto ed hanno avuto l'opportunità di apprezzare le sue dote umane e professionali. Perdiamo un grande collega a cui in tanti hanno voluto bene e stimato. In un momento di profonda tristezza, inviamo un abbraccio forte alla famiglia, a cui vogliamo offrire anche un aiuto reale per i momenti difficili che dovrà affrontare insieme alla grave perdita".

"Il consiglio ha deciso coralmente - prosegue Amato - innanzitutto di attivare una raccolta fondi da donare alla famiglia e di sostenerla avviando tutte le agevolazioni previste dalla legge, a partire dall'accesso agli aiuti previsti dalla Fondazione Onaosi, che assiste in Italia gli orfani dei professionisti della sanità, a tutela del futuro dei figli, e ai sussidi che la Fondazione dell'Enpam mette a disposizione per gli studi e le prestazioni assistenziali degli orfani dei medici e della famiglia".

"Stamattina - conclude il presidente - abbiamo già chiesto al sindaco Leoluca Orlando, che ha subito dato la sua approvazione, di dedicare una strada a Giuseppe Liotta nei pressi di Villa Magnisi, sede dell'Ordine dei medici, per coltivare la memoria di un medico che ha perso la sua vita per salvaguardare la salute di altre vite umane". I consiglieri dell'Omceo esprimono la loro vicinanza a tutte le famiglie colpite da lutti per i nubifragi che hanno colpito in questi giorni soprattutto la Sicilia, ringraziando i tantissimi medici e tutti i professionisti della sanità che a rischio delle loro vita non hanno mai fatto mancare la loro assistenza.

La protezione civile

Anche il dipartimento regionale della Protezione civile ricorda Liotta. "Un'altra grave perdita di vita umana- si legge su Facebook -  va ad aggiungersi alle precedenti dodici della sera del 3 novembre scorso che non avremmo mai voluto riportare su questa pagina. Per questo il dipartimento Sicilia si stringe al dolore della famiglia del dottore Giuseppe Liotta come pure alle famiglie luttuosamente colpite in questi giorni. Cogliamo l'occasione per ribadire che l'incolumità della vita umana è il nostro obiettivo primario e che il cittadino è il fulcro delle nostre azioni".

Il dolore degli amici

"È un giorno di grande tristezza e di profonda commozione per la perdita del dottore Giuseppe Liotta, assiduo frequentatore del nostro impianto. Ci stringiamo intorno al dolore della famiglia e dei colleghi con affetto", si legge sulla pagina Facebook della Polisportiva Palermo. 

"Abbiamo sperato fino all'ultimo di non dover mai scrivere una cosa del genere. Purtroppo Giuseppe era il papà amorevole ed affettuoso di uno dei nostri piccoli atleti - si legge in un post della Scherma Palermo -. Abbiamo preferito stare in silenzio per giorni nella speranza di non ricevere mai questa terribile notizia. Oggi il nostro abbraccio più forte e tutto il nostro affetto va al piccolo, I tuoi maestri e tutta la sala ti sono molto vicini, tuo papà sarà sempre con te come sempre si metteva discreto dietro i vetri della nostra sala per rubare qualche momento dei tuoi allenamenti. Caro Giuseppe sei un eroe dei nostri tempi, sarai per sempre nei nostri ricordi con quel sorriso che è davvero difficile da dimenticare. La nostra pagina ed il Circolo Schermistico Mazarese osserverà tre giorni di lutto".


 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Bisognerebbe evitare alcune cose... tant'è che avete corretto il tiro...

Notizie di oggi

  • Politica

    Benigno-La Vardera atto secondo, l'attore in Procura: "Quel film non deve uscire..."

  • Cronaca

    "Non sono socialmente pericolosi", imprese e immobili tornano ai Rappa

  • Politica

    Palermo-Agrigento e passante, sindacati edili incontrano Toninelli: "A rischio 100 lavoratori"

  • Cronaca

    Trenitalia punta su Palermo: più corse per l'aeroporto e più convogli per Agrigento

I più letti della settimana

  • Commercianti denunciano il pizzo, il pentito parla: 10 arresti per mafia a San Lorenzo

  • Fidanzati scomparsi da due giorni, il papà del ragazzo: "Li abbiamo trovati, stanno bene"

  • Si allontana da casa della nonna ad Altavilla: giovane scompare insieme alla sua ragazza

  • Palermitano da record: "A 55 anni sono il bisnonno più giovane d'Italia"

  • Pentito telefona a Calí: "Tu numero uno degli sbirri, pronte due pistole per ucciderti"

  • Palermitano molla tutto e cambia vita: "Così ho portato la caponata in Andalusia"

Torna su
PalermoToday è in caricamento