Tentò di investire un carabiniere a un posto di blocco, giovane patteggia condanna a un anno

L'episodio il 15 novembre scorso in via Carlo Alberto Dalla Chiesa. Un 26enne, incensurato, ha concordato la pena (con sospensione condizionale) chiedendo anche la revoca della misura cautelare dell'obbligo di dimora a Palermo

Posto di blocco dei carabinieri - foto archivio

Tentò di investire un carabiniere a un posto di blocco, speronando inoltre una gazzella durante la fuga sulla sua Fiat Seicento. Un 26enne di Termini Imerese (G.M. le iniziali) ha patteggiato una condanna a un anno (pena sospesa e revoca della misura cautelare dell’obbligo di dimora a Palermo). Il giovane era imputato per resistenza a pubblico ufficiale per essere fuggito durante un controllo in via Carlo Alberto Dalla Chiesa.

I fatti risalgono allo scorso 15 novembre. Il giovane si trovava al volante della sua auto quando si è trovato al cospetto di un militare che lo invitava con la paletta a fermarsi. Invece di pigiare con il piede sul freno il 26enne - come ricostruito dall’accusa - avrebbe cercato di investire un carabiniere, fuggendo a tutta velocità per oltre un chilometro e urtando un’altra pattuglia che aveva provato a sbarrargli la strada prima di arrendersi definitivamente. Quindi le manette e l'arresto convalidato la mattina successiva in tribunale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il giudice della quinta sezione penale Nicola Aiello ha condannato a un anno il giovane assistito dagli avvocati Domenico Cancemi e Annalisa Indorato. Nel suo giudizio è stato tenuto conto dello “stato di incensuratezza dell’imputato”, per cui “può esprimersi una prognosi favorevole circa la futura astensione da parte del medesimo dalla reiterazione di condotte delittuose” che gli ha garantito il beneficio della sospensione condizionale per 5 anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'entrata da Mondello, poi il volo su via Libertà: attesa per l'esibizione delle Frecce Tricolori

  • Mega rissa a Ballarò, in trenta si affrontano a pugni e sprangate: ferito anche un bambino

  • Sembra un'ape ma non è, in estate arriva il bombo: come riconoscere questo insetto

  • Incidente tra via Libertà e via Notarbartolo, medico cinquantenne muore dopo 10 giorni

  • Negativa a 3 tamponi, torna positiva al Covid: "Così sono ripiombata nell'incubo"

  • Mercatini, spiagge e pulizia delle strade: ecco il lavoro per i percettori del reddito di cittadinanza

Torna su
PalermoToday è in caricamento