"Falcone? Costretto a scappare da Palermo, lui eroe ma solo dopo la sua morte"

Così il magistrato Giancarlo Caselli: "Era stato vittima di svariate ingiustizie tra cui aggressioni, falsità e maldicenze. Si è trovato tutte le porte di Palermo chiuse in faccia"

Giovanni Falcone

"La figura di Giovanni Falcone è una figura di coraggio, molto complessa, con alti e bassi, luci ed ombre. Lo ricordiamo tutti come un eroe, come un esempio, come un uomo eccezionale ma così lo ricordiamo soltanto dopo morto. Prima di morire, infatti, Falcone era stato vittima di svariate ingiustizie tra cui aggressioni, falsità e maldicenze. Trovandosi tutte le porte di Palermo chiuse in faccia, è stato costretto a rifugiarsi a Roma al Ministero della Giustizia, dove non smise di combattere". A esprimersi così è stato il magistrato Giancarlo Caselli intervenendo a Trame, festival dei libri contro le mafie che si tiene a Lamezia Terme, nel corso della presentazione del libro a cura di Enzo Ciconte e Giovanna Torre, intitolato “L’uomo, il giudice, il testimone”.

Potrebbe interessarti

  • Api, vespe e calabroni non si uccidono ma si allontanano: ecco i rimedi naturali

  • Cactus mania, avere piante grasse in casa non è solo bello ma fa anche (molto) bene

  • Igiene in casa, ogni quanto si devono cambiare (davvero) lenzuola e asciugamani

  • Fare la spesa risparmiando, 10 regole d'oro che i palermitani spreconi dovrebbero seguire

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia fra Palermo e New York, 19 arresti: decapitato mandamento di Passo di Rigano

  • Centro storico, studentessa seguita e poi violentata sotto casa: fermati due bengalesi

  • Morto noto commerciante palermitano, era lo zio di Eleonora Abbagnato

  • Incidente sulla A29, auto contro il guardrail: muore 13enne, gravissimo il fratello

  • Tragedia in autostrada, bimbo di 9 anni in condizioni disperate: "Ha un gravissimo trauma cranico"

  • E' morto il chirurgo Mezzatesta: "La medicina ha perso un genio"

Torna su
PalermoToday è in caricamento