Furto in una pasticceria di via Villareale, ladri rubano dal bicchiere delle mance

E' accaduto nella notte "Al giardino di rose", che in precedenza ospitava Angelina's Bakery. I banditi sono riusciti a portare via circa 170 euro contando anche il denaro custodito nel registratore di cassa. Sull'episodio indagano i carabinieri

La pasticceria "Al giardino di rose" di via Villareale

Furto nella notte "Al giardino di rose". I ladri sono riusciti a entrare nella nota pasticceria di via Valerio Villareale, l'ex Angelina's Bakery che si trova alle spalle di piazzetta Bagnasco, e sono riusciti a portare via circa 70 euro dal registratore di cassa e altri 100 che si trovavano nel bicchiere delle mance. In mattinata il titolare dell’attività ha chiamato gli operai per far riparare l’ingresso e ripartire con una nuova giornata di lavoro.

Secondo una prima ricostruzione i ladri, approfittando del buio, hanno rotto la vetrata principale dell’attività per poi agire indisturbati. Giusto il tempo di arraffare il bottino e si sono volatilizzati nel nulla. Sul posto sono intervenuti i carabinieri che hanno acquisito le immagini di alcune telecamere piazzate nella zona che potrebbero avere riperso la fuga del ladro.

Un altro furto notturno è stato tentato nella centrale via Principe di Belmonte. Un ladro ha cercato di spaccare la vetrina di Spinnato per aprirsi un varco e fare razzia all’interno del bar. Qualcosa però è andata storta: cercando di rompere il vetro il ladro si è ferito, lasciando tracce di sangue all’esterno dell’attività, sia sul muro che sul tendone messo a coperture di alcuni tavolini. Poi la fuga.

Anche in questo caso indagano i carabinieri che dovranno chiarire se il ladro entrato in azione "Al giardino di rose" e quello che ha tentato il colpo da Spinnato siano la stessa persona. A rispondere a questo interrogativo potrebbero essere gli uomini della Scientifica una volta terminati i rilievi che permetteranno di incrociare le informazioni raccolte sulle due scene del delitto.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (6)

  • A loro interessa l'azione non il ricavo. Che se ne parli, che si sappia in giro di cosa sono stati capaci di fare in barba a tutte le difficoltà incontrate, per crearsi una nomea nella loro corte dei di miracoli di me*da.

  • Tutto lascia pensare che la mano è la stessa.

    • Avatar anonimo di HRLM
      HRLM

      Forse voleva scrivere: "SIA la stessa". Usiamolo quel povero bistrattato chiamato congiuntivo. Un commentatore Top come lei non può abbandonarsi a scivoloni del genere. 

      • Nessuno scivolone, stia tranquillo. Si tratta di una certezza ufficiosa.

      • Ma quello nemmeno conosce il significato della parola "congiuntivo".

        • Lei da Tonino è diventato Leonardo. Peccato che il suo quoziente intellettivo sia rimasto invariato.

Notizie di oggi

  • Mafia

    Il tesoriere di Totò Riina ora è libero: Vito Palazzolo affidato in prova ai servizi sociali

  • Cronaca

    Ha investito e ucciso un uomo in via Roma, ventenne ai domiciliari per due mesi

  • Cronaca

    Lo Zen si ferma per i funerali di Antonino e Giacomo Lupo: "Per sempre nei nostri cuori"

  • Cronaca

    Bellolampo, scongiurata l'emergenza: si continua a conferire i rifiuti nella sesta vasca

I più letti della settimana

  • Omicidio allo Zen, sparatoria in strada: morti padre e figlio

  • Incidente mortale in via Roma, con l'auto uccide pedone e poi scappa

  • Gli omicidi dello Zen, un giovane si costituisce: "Sono stato io a sparare"

  • Omicidio nella notte: ucciso con un colpo di pistola in via Gaetano Costa

  • Il killer che parla, i 12 spari al tramonto e il silenzio dello Zen: "Una lite dietro l'omicidio"

  • Le salme di Tonino e Giacomo Lupo tornano allo Zen, il reo confesso: "Mi sono difeso"

Torna su
PalermoToday è in caricamento