Via Brigata Aosta, "palazzo di ferro" illuminato "a scrocco": tre arresti e 39 denunce

E' questo l'esito dei controlli effettuati dai carabinieri e da alcune squadre della società E-Distribuzione: "Ben 42 appartamenti su 72 erano collegati abusivamente alla rete elettrica"

Ben 42 appartamenti su 72 collegati abusivamente alla rete elettrica. Il condominio illuminato "a scrocco" è il "palazzo di ferro" in via Brigata Aosta, già finito sui giornali lo scorso 18 febbraio con l’operazione Pellicano durante la quale è stata smantellata una rete che gestiva una piazza di spaccio nello stesso immobile.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Questa volta sono scattati tre arresti per furto aggravato e 39 denunce con la stessa accusa. Ad effettuare i controlli i carabinieri della compagnia di Palermo San Lorenzo, supportati da alcune squadre di verificatori della società E-Distribuzione. A finire ai domiciliari Roberto Antonino Chiarelli, palermitano di 51 anni, Simone Sanfilippo, palermitano di 45 anni e Salvatore Arcuni, palermitano di 29 anni. Il giudice, a seguito del giudizio direttissimo, ha convalidato gli arresti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mazzette per pilotare appalti da 600 milioni, trema la sanità siciliana: 10 arresti

  • Tragedia per una mamma palermitana: bimbo di 10 anni muore incastrato in un cassonetto per indumenti

  • L'incidente di Bonagia, lacrime a "Dallas": morto diciottenne

  • E' subito folla alla Vucciria, Taverna Azzurra quasi come in periodo "pre-Covid"

  • Coronavirus, finalmente ci siamo: per la prima volta zero contagi in Sicilia

  • Fallito attentato all'Addaura, la rivelazione: "Ecco chi tradì Giovanni Falcone"

Torna su
PalermoToday è in caricamento