Banda del buco in azione a San Giuseppe Jato, furto in gioielleria da 50 mila euro

Nel mirino l'attività gestita dai fratelli Giuseppe e Marcello Mannino. I ladri sono entrati in un palazzo adiacente, si sono creati un varco e hanno portato via collane, orecchini e altri oggetti preziosi. Indagano i carabinieri

L'ingresso della gioielleria di corso Umberto I, San Giuseppe Jato (foto Google)

Furto da cinquantamila euro in una gioielleria di San Giuseppe Jato. I ladri sono entrati in azione nella notte tra sabato e domenica scorsi in corso Umberto I, svaligiando l’attività gestita dai fratelli Giuseppe e Marcello Mannino. Per entrare la banda si sarebbe creata un varco da un muro che separa il negozio dal magazzino di un vecchio edificio adiacente. Sull’episodio indagano i carabinieri.

I titolari della gioielleria si sono accorti che c’era qualcosa di strano ieri mattina, non appena hanno alzato le saracinesche per iniziare una nuova giornata di lavoro. Una volta dentro hanno subito notato che qualcuno aveva messo a soqquadro espositori e vetrine portando via di tutto: orecchini, bracciali, collane orologi e altro ancora. Immediata la telefonata alla sala operativa del 112 per segnalare l'accaduto..

I militari intervenuti sul posto hanno ascoltato il racconto dei due fratelli e acquisito le immagini del sistema di videosorveglianza. Le telecamere, installate però solo all’esterno, non avrebbero registrato movimenti anomali. I ladri sapevano quindi come agire indisturbati e lontani da occhi indiscreti. Così, dopo aver disattivato il sistema d’allarme, la banda è riuscita a svaligiare la gioielleria in pochi minuti.

Il colpo in gioielleria non risulterebbe coperto da alcuna polizza assicurativa. In paese, spiegano gli investigatori, non si registrano episodi di furto con la “tecnica del buco” da almeno 4-5 anni. I carabinieri della stazione locale e della compagnia di Monreale hanno subito avviato le indagini per mettersi sulle tracce dei banditi, cercando di scoprire i loro spostamenti precedenti e successivi al colpo di cui nessun residente si sarebbe accorto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in via Pitrè, muore travolto da uno scooter mentre passeggia con il cane

  • La lite dopo gli insulti alla moglie, sparatoria allo Zen: fermato un pregiudicato

  • Zona via Belgio, si suicida lanciandosi dal quarto piano: paura davanti a una scuola

  • Allo Zen si torna a sparare, 48enne grave in ospedale

  • Si cercano portalettere, Poste Italiane assume anche a Palermo

  • Stress? Rabbia? Arriva a Palermo la Rage Room, la stanza dove puoi spaccare tutto

Torna su
PalermoToday è in caricamento