Sciacalli in azione a Casteldaccia, saccheggiate le case della tragica alluvione

I ladri hanno rubato mobili, suppellettili e anche gli infissi di alcune villette in contrada Dogali Cavallaro. Non è chiaro se anche l'immobile in cui hanno perso la vita 9 persone a novembre scorso sia stato ripulito. Indaga la polizia

Casteldaccia, le villette allagate dall'alluvione di novembre 2018

Sarebbero arrivati nel cuore della notte con un furgone, poi avrebbero forzato le porte delle case alluvionate dello scorso novembre e le avrebbero saccheggiate. Sciacalli in azione a Casteldaccia: sono entrati nelle villette vicine a quella in cui si è consumata la tragedia dello scorso novembre, in contrada Dogali Cavallaro, in cui hanno perso la vita nove persone.

Secondo quanto accertato dalla polizia i ladri sarebbero entrati nelle case disabitate e avrebbero portato via di tutto. Pian piano, approfittando del buio, hanno caricato su un mezzo mobili, suppellettili nonché porte e finestre, strappando via persino i telai in alluminio. Qualcuno avrebbe notato strani movimenti attorno alle case alluvionate e avrebbe chiamato il 113.

Gli agenti hanno constatato che effettivamente alcune porte erano state forzate per accedere agli immobili. Non è chiaro se sia stata visitata anche la casa teatro della strage, travolta da un fiume di fango dopo l'esondazione del fiume Milicia. Lì dove un'intera famiglia - compresi due bambini - stava trascorrendo una serata insieme.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tragedia a Bellolampo: uomo ucciso da una cavalla durante il parto, grave il figlio

  • Incidente a Monreale, scontro frontale tra due auto sulla circonvallazione: un morto

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

  • Nuova tragedia in sala parto: neonata muore alla clinica Triolo Zancla

  • Finanzieri in una palestra di Cefalù, sequestrate attrezzature per il fitness: "Erano contraffatte"

Torna su
PalermoToday è in caricamento