Tentano di rubare un'auto, ma un passante li vede e chiama il 113: due arresti

In manette un uomo di 62 anni e un 29enne. I due stavano armeggiando sullo sportello di una Fiat 600 ma un cittadino li ha visti e ha chiesto l'intervento della polizia

Entrano in azione, in pieno centro, per rubare un'auto parcheggiata ma un passante li vede e chiama il 113. In manette sono finiti Giovanni Castelluccio, 62 anni, e Roberto Di Grazia, 29 anni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo quanto ricostruito dalla polizia, i due si aggiravano per le vie del centro a bordo di un furgone Fiat Doblò quando hanno "puntato" una Fiat 600. Avevano già iniziato ad armeggiare sulla vettura quando un passante li ha visti e ha dato l'allarme. Sul posto sono arrivate due pattuglie in moto. Castelluccio è stato trovato in possesso di un coltello a serramanico con lama di sette centimetri e un arnese artigianale, il cosiddetto “spadino”, utilizzato per forzare le serrature delle auto. Mentre nel vano portaoggetti del furgone è stato trovato un marsupio di colore nero con all’interno diversi arnesi atti allo scasso, oltre alla centralina di una vettura ed il cilindretto di accensione della Fiat 600. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto al largo di Palermo, scossa di magnitudo 2.7 avvertita dalla popolazione

  • Via dell'Arsenale, donna si lancia dal balcone e muore

  • Malore mentre fa il bagno al mare, morta una donna a Mondello

  • Figlia morta dopo il Gratta e vinci perdente: chiesta condanna a 6 anni per la mamma infermiera

  • Con lo scooter investì e uccise un anziano e il suo cane, morto un trentenne

  • Suicidio all'Uditore, cinquantenne si getta dalla finestra e muore

Torna su
PalermoToday è in caricamento