Svaligiò cinque ville all'Addaura: giovane arrestato un anno dopo

Ad incastrarlo le immagini riprese dalle telecamere di due delle ville dove sono avvenuti i furti e le impronte ritrovate all'interno delle abitazioni. In manette è finito un ventenne tunisino destinatario, a Roma, di un obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria

Era diventato il terrore dei residenti dell'Addaura ma a distanza di un anno è finito in manette. Secondo gli investigati, ben cinque le ville da lui svaligiate tra giugno e luglio del 2017. La polizia ha arrestato un tunisino, di appena 20 anni. Le immagini riprese dalle telecamere di due delle ville dove ha messo a segno i colpi e gli esiti dei riscontri forniti dai rilievi effettuati dal personale del Gabinetto regionale della polizia scientifica lo hanno incastrato: nelle abitazioni, messe a soqquadro dal malvivente, sono state ritrovate le sue impronte.

Il giovane in passato aveva già commesso piccoli reati e nei suoi confronti era stato anche emesso un provvedimento di espulsione dal territorio nazionale. Fino a pochi giorni fa viveva a Roma dove risultava destinatario di un obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Grazie anche alla collaborazione di colleghi della Questura capitolina, gli agenti palermitani sono riusciti ad intercettarlo e arrestarlo, notificandogli il provvedimento di custodia cautelare in carcere emesso dal Tribunale di Palermo per i cinque furti in villa del giugno 7 luglio 2017.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Miglior street food di Palermo, arriva Alessandro Borghese con i suoi "4 Ristoranti"

  • Incidente a Belmonte, Bmw finisce fuori strada e prende fuoco: morti due ragazzi

  • Morte di Giuni Russo, le rivelazioni di Donatella Rettore in tv e la polemica: "Non dice la verità"

  • Via Maqueda, colpito alla testa mentre passeggia: grave 33enne

  • Rovigo, palermitano strangola e uccide la moglie di 23 anni

  • Il duplice omicidio allo Zen, veglia notturna non autorizzata ai Rotoli: familiari allontanati

Torna su
PalermoToday è in caricamento