Distributori automatici nel mirino, furti e vetri rotti: "5 episodi in 20 giorni, un incubo"

A raccontare ciò che accade dall'inizio del 2019 è Antonio Romano, titolare della Push and Go, un'azienda che ha inaugurato un open space in corso Vittorio Emanuele: "I miei distributori presi a mazzate per 3 ore". Nei giorni scorsi mandate in frantumi le vetrine di tre negozi della zona

Furto con danneggiamenti da Push and Go, in corso Vittorio Emanuele

Cinque episodi tra furti e danneggiamenti in poco più di tre settimane, un caso ogni quattro giorni, e il timore che questa storia possa non finire mai. A raccontare quanto gli sta accadendo dall’inizio del anno nuovo ad oggi è Antonio Romano, titolare della Push and Go. Si tratta di un’azienda che opera nel settore dell’installazione di distributori automatici che ha aperto un open space con self service in corso Vittorio Emanuele, all’altezza di piazza Borsa.

"Abbiamo inaugurato il 15 novembre - racconta Romano a PalermoToday - e fino al 30 dicembre tutto bene è andato. Da quel giorno in poi abbiamo subito il primo furto con scassinamento. Hanno portato via qualche prodotto e poi hanno svuotato la gettoniera rubando poche decine di euro". Il colpo sarebbe stato messo a segno da una persona che, grazie alle telecamere di videosorveglianza, sarebbe stata anche individuata dagli investigatori.

"La nostra attività - prosegue Romano - è dotata di telecamere in funzione 24 ore su 24. Dalla fine dello scorso anno siamo stati presi di mira cinque volte. L’ultimo episodio è stato devastante: la videosorveglianza ha ripreso due soggetti che hanno preso a martellate i miei distributori per più di 3 ore, dalle 3.17 alle 6 del mattino. Hanno distrutto tutto e hanno rubato ciò che potevano". Anche in questo caso Romano, racconta, si è rivolto ai carabinieri per mettere nero su bianco quanto accaduto.

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

"Per quanto ne so io l’autore è stato identificato e denunciato. Purtroppo e possibilmente subiremo altri atti del genere perché i responsabili non vengono puniti. Non so quanto ancora potrà andare avanti questa storia ma sicuramente siamo stufi". La sua storia è rimbalzata da una pagina all’altra sui social dopo un post pubblicato dal padre, l’ex ministro Saverio Romano: "Antonio è un giovane palermitano che dopo aver conseguito la laurea in giurisprudenza ha deciso di fare l'imprenditore, nella sua città, nonostante le mille difficoltà".

In poche righe il leader di Cantiere popolare ripercorre i sacrifici fatti dal figlio e i risultati raggiunti: "In 2 anni ha messo in piedi due aziende che danno lavoro a cinque altre persone, è rincorso dalle scadenze mensili, dalle eccessive tasse e lotta spesso con la burocrazia, così come tanti altri. Oggi, una delle sue attività è stata danneggiata per la quinta volta, non sappiamo se per mano del crimine organizzato o da comuni delinquenti. E’ dura, ma Antonio non molla, riconosco mio figlio, sembra già mio padre".

Nell'ultimo periodo altre attività della zona sono finiti nel mirino dei malviventi. Tra gli episodi noti avvenuto in zona, fra gli ultimi, il furto alla Rinascente con un bottino da 5 mila euro, quello al negozio "Via Roma 261" (ex Navigare) e quello alla gioielleria Cipolla. Furti e tentativi di furto accomunicati dalle modalità con i malviventi provano ad aprirsi un varco: scaldando le vetrine con il fuoco e prendendole a mazzate anche per ore.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (14)

  • Ma la notte non sarebbe meglio chiudere??????

    • Perderebbe il significato d'esistere.

  • 3 ore senza che polizia caramba e finanza intervengono....a 2 passi dai 4 canti?! Tutto ciò è assurdo. E se sta gente non viene punita con la privazione della libertà e continua a rovinare la gente onesta la quale non può essere risarcita in quanto questi delinquenti non hanno e non vogliono niente che gli possa esser tolto a causa delle loro malefatte. Tutto va a peggiorare. Purtroppo con sta gente si tratta alla stessa maniera loro.si ci spara!!! Piangiamo con un okkio però perché l imprenditore ha le spalle coperte... economicamente parlando

    • Avatar anonimo di klauss
      klauss

      evidentemente nessuno ha chiamato...e questa e' la cosa piu schifosa

  • Siamo alla frutta

  • Impuniti??? come si fa lasciare impuniti atti del genere, consumare un imprenditore con tutti i danni che hanno fatto.. le opzioni sono 2 o carcere o pagare tutti i danni con tanto di interessi e se non loro i familiari. gente senza dignità, feccia del mondo.

  • è veramente l'incivilta vergognoso che avvengano fatti del genere..l'incivilta dilaga e il controlla del territorio è inesistente...

  • Tutta la fuffa sulla storia imprenditoriale e genealogica, la potevate risparmiare.

    • Il Signor Vincent, mostra a chiare lettere un evidente mancanza di sensibilità

      • Sensibilità? Misurata attraverso quale parametro?

    • Avatar anonimo di paolino
      paolino

      vincent sei ridicolo....come al solito!

      • Almeno son coerente. Lei, invece?

    • Avatar anonimo di Cosimo
      Cosimo

      Vincent tu devi essere un robot, almeno voglio sperarlo 

      • Pensi ciò che più Le piace.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Lacrime e silenzio per il funerale di Giovanni Romano: "Quel messaggio senza risposta di domenica notte"

  • Cronaca

    Incidente a San Giuseppe Jato, si ribalta con la Smart: morto sessantenne

  • Cronaca

    Sperone, pugno in faccia al controllore del tram: 18enne preso dopo 9 giorni

  • Cronaca

    La banda di palermitani che coltivava droga a Poggioreale: scattano 5 condanne

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Palermo-Catania, camion travolge auto: morto un magistrato

  • Video porno con ragazzine dietro la scomparsa: "Maiorana morti per i ricatti che il padre organizzava"

  • Il migliore cardiochirurgo del mondo? Lavora a Villa Sofia: "Così ha salvato una donna"

  • Giovanni e una vita tra toga, famiglia e pallone: "Magistrato di spessore, uomo serio e preparato"

  • La nuova mafia a Palermo, ecco chi comanda: "Quindici mandamenti gestiti da 81 famiglie"

  • Ripetitore sospetto vicino casa del presidente Mattarella, indaga la Procura

Torna su
PalermoToday è in caricamento