Appartamenti svaligiati e mazzate a chi osava denunciare: smantellata banda

I carabinieri hanno eseguito otto misure cautelari tra Bagheria e Alcamo: devono rispondere di 16 colpi messi a segno tra luglio a dicembre 2017. Una donna aveva il compito di studiare le vittime

Uno degli indagati con la mazza usata per aggredire un testimone

In appena dei mesi, da luglio a dicembre 2017, avrebbero messo a segno sedici furti in appartamento. Tutti nella zona di Bagheria. Adesso i carabinieri hanno eseguito otto misure cautelari - un'ordinanza di custodia cautelare in carcere, 5 arresti domiciliari, due obblighi di dimora - a carico di altrettante persone rintracciate tra Bagheria e Alcamo (Trapani). L'accusa per tutti, a vario titolo, è di furto aggravato, furto in abitazione, minaccia aggravata, danneggiamento, lesioni personali aggravate. I provvedimenti sono stati emessi dal gip di Termini Imerese su richiesta della locale Procura.

La donna studiava le vittime, i complici "ripulivano" le case: la banda in azione| Video

Le porte del carcere si sono aperte per Gianni Barone, 31 anni. Ai domiciliari invece sono finiti Giuseppe D'Amore, 26 anni; Francesco D'Amico, 23 anni; Cristiam Galioto, 21 anni; Filippa Scavo, 41 anni; Vincenzo Samuele Morana, 22 anni. Divieto di dimora per il 21enne C.C. e il 23enne G.V.M.

Le indagini, attraverso attività tecniche, servizi di osservazione, pedinamento e controllo, hanno permesso di identificare gli autori di 16 furti, soprattutto in abitazioni, e in alcuni casi è stato possibile recuperare la refurtiva, individuando i canali di ricettazione utilizzati dal gruppo. "Le abitazioni da colpire  - spiegano i militari dell'Arma - venivano individuate da una donna, 40enne di Bagheria. Il modus operandi, ormai consolidato, consisteva nello 'studiare' la vittima e nel segnalare ai propri complici il momento più opportuno per consumare il furto".

I carabinieri: "Dai social scoprivano se le vittime fossero fuori casa"

Una banda violenta e spregiudicata quella scoperta dai carabinieri. A testimoniarlo il raid punitivo messo in atto da alcuni indagati contro un cittadino, "colpevole" di aver chiamato le forze dell'ordine. Scoperti al malcapitato mentre armeggiavano in maniera sospetta nei pressi di un'abitazione, lo hanno minacciato di morte e picchiato con una mazza da baseball per punirlo.

Per l'esecuzione dei provvedimenti sono stati impegnati circa 60 carabinieri, con l'ausilio di un elicottero del nucleo elicotteri di Palermo.
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (10)

  • Avatar anonimo di Salvo
    Salvo

    Fossi io fare la legge uguale alla Republica cinese, rubi ti prendo, come pena ti taglio un dito, vediamo se ci pensano primamdi rimanere solo con i polsi

  • Siete dei vermi!

  • Ma ne Foto e Ne Nomi di Questa Brava Gente che Notizia Sarebbe

  • ai domiciliari in Siberia si devono mandare.

  • Io sono convinto che nei Paesi dove esiste la pena di morte, la mancanza di questa farebbe aumentare in maniera esponenziale gli omicidi, checché ne dicano i movimenti contrari alla sua applicazione convinti come sono della sua inefficacia.

  • Avatar anonimo di Mauro
    Mauro

    Le foto di questi animali?

  • Avatar anonimo di Klauss
    Klauss

    A mio avviso certi dettagli nelle notizie dovrebbero essere omessi..scrivere di quel tizio picchiato perche ha parlato non incoraggera gli altri a farlo..

  • Innanzitutto bisogna vederli in faccia per sapere chi sono, dato che la responsabilità è personale, tutto il resto è consequenziale alla loro responsabilità altrimenti diventa una presa in giro. Tutti coloro che disgraziatamente fossero venuti in contatto diretto con questi cani figli di cani, avrebbero un motivo in più per denunciare, ma se non cambiano queste leggi becere fatte da gente becera, saremo sempre al palo.

  • Avatar anonimo di Salvo
    Salvo

    Gente inutile, dannosa per la società. Lo vogliamo capire che questi esseri immondi fanno quello che vogliono perché glielo permettono? Questo buonismo ci sta distruggendo.  È come per i bambini... Se non li educhi, crederanno tutto sia lecito e faranno quello che passa loro per la testa.  Ci vuole la certezza della pena. È l'unico deterrente che può funzionare.  Rubi? 10 anni in carcere senza sconti.  Picchi la gente? 15 anni senza sconti.  Stupri? 30 anni senza sconti. Uccidi? Ergastolo senza possibilità di riduzioni.  Condannate il primo. Poi il secondo. Il terzo...inflessibili. E probabilmente qualcuno ci penserà due volte prima di delinquere

  • Avatar anonimo di toni x
    toni x

    Meglio la la legittima difesa che ste pene di m****

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Fiumi di droga da Calabria e Campania: smantellata banda, 19 arresti

  • Cronaca

    Ha il reddito di cittadinanza ma viene sorpreso a Sferracavallo mentre lavora in nero

  • Cronaca

    Milano, l'autista palermitano è ubriaco: 66 parrocchiani in gita devono cambiare bus

  • Cronaca

    Fece esplodere una pen drive che ferì un poliziotto: Unabomber palermitano in manette

I più letti della settimana

  • Falsi incidenti per truffare le assicurazioni, scoperta altra banda: 16 arrestati e 25 indagati

  • Incidenti finti, lacrime vere: "Mattoni per rompermi il braccio, piangevo ma non si fermavano"

  • La banda dei falsi incidenti, i nomi delle 41 persone coinvolte

  • "Ha provato a toccarmi", papà di una dodicenne picchia bidello di una scuola del Villaggio

  • Circoscrizioni a Palermo, gli indirizzi e i recapiti delle otto zone della città

  • Fiumi di droga da Calabria e Campania: smantellata banda, 19 arresti

Torna su
PalermoToday è in caricamento