Chiesa stracolma per l'ultimo saluto a Rita: in centinaia ai funerali, in tanti restano fuori

Ad officiare la messa l'arcivescovo Corrado Lorefice. Davanti a lui la bara della sorella del giudice Borsellino. Sopra una sua foto, appoggiata ad un mazzo di rose rosse e bianche. In chiesa uomini delle istituzioni, rappresentanti dell'associazionismo, magistrati e molta gente comune

Stracolma la Chiesa 'Madonna della Provvidenza-Don Orione' di via Ammiraglio Rizzo: in tantissimi sono accorsi per partecipare ai funerali di Rita Borsellino, morta all'età di 73 anni dopo una lunga malattia. Molti non sono riusciti ad entrare: alle 11, mezz'ora prima dell'inizio della celebrazione, non c'era più posto. Sono rimasti fuori in silenzio. 

Ad officiare le esequie l'arcivescovo Corrado Lorefice. Davanti a lui la bara con una foto di Rita Borsellino retta da un mazzo di rose rosse e bianche. Seduti in prima fila, i figli della sorella del giudice ucciso nella strage di via D'Amelio (Cecilia, Claudio e Marta) e il fratello Salvatore. In chiesa anche il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, l'ex presidente del Senato, Pietro Grasso, il presidente del Consiglio di Stato, Alessandro Pajno, il sindaco Leoluca Orlando, l'ex presidente della commissione Antimafia, Rosy Bindi, Maria Falcone, il presidete di Libera Don Luigi Ciotti, il responsabile Legalità del Pd, Giuseppe Antoci e molti altri uomini delle istituzioni, rappresentanti dell'associazionismo e magistrati. 

"Quando mi è giunta notizia - afferma l'arcivescovo - ho provato una sorta di solitudine e mi sono detto: ora a Palermo siamo più soli". 

Più tardi il servizio completo

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

Torna su
PalermoToday è in caricamento