Entrava nel sistema informatico del Comune per cambiare orari: sospeso dipendente a Termini

Le indagini di polizia giudiziaria hanno consentito di rilevare "una particolare condotta illecita dalle modalità uniche ed eccezionali". Nei guai un pregiudicato di 57 anni: è accusato di frode informatica, falsa attestazione di servizio e truffa

Sfruttando le sue "conoscenze informatiche" modificava a proprio piacimento l'orario del terminale che rilevava le presenze: un dipendente del comune di Termini Imerese è stato sospeso. A finire nei guai un pregiudicato di 57 anni (V.C. le iniziali). L'uomo è stato pizzicato dai carabinieri e dal personale di polizia giudiziaria che hanno eseguito l'ordinanza "di applicazione della misura interdittiva della sospensione dall’esercizio di un pubblico ufficio" , a seguito della richiesta della Procura della Repubblica di Palermo, che ha contestato all’indagato i reati di frode informatica, accesso abusivo a sistema informatico, falsa attestazione di servizio e truffa, aggravati dalla recidiva e dalla qualifica di operatore di sistema e incaricato di pubblico servizio.

Le indagini di polizia giudiziaria hanno consentito di rilevare "una particolare condotta illecita dalle modalità uniche ed eccezionali, che consentiva all’indagato di alterare i propri orari di servizio - spiegano dalla Procura -. L’indagato, sfruttando le sue conoscenze informatiche, riusciva a introdursi nel sistema informatico del Comune, modificando l’orario del terminale di rilevazione delle presenze, inserendo una timbratura a piacimento". 

Questa condotta illecita consentiva al cinquantasettenne di attestare l’inizio o la fine del turno lavorativo in qualunque momento della giornata e, quindi, di allontanarsi ingiustificatamente o di ritardare il suo arrivo in ufficio. Poi le indagini che hanno inchiodato il dipendente comunale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quella notte d'amore all'Ucciardone, Graviano: "Ho fatto un figlio ed ero al 41 bis"

  • Colpo al clan dell'Arenella, 8 arresti: c'è anche il boss accusato della strage di via D'Amelio

  • Donna di 52 anni muore al Policlinico, tensione in ospedale: familiari sporgono denuncia

  • Mafia, la vedova Schifani sull'arresto del fratello: "Sono devastata, per me è morto ieri"

  • La migliore arancina di Palermo? Simone Rugiati non ha dubbi: "E' quella di Sfrigola"

  • L'Arenella e lo Scotto da pagare: dallo "stigghiolaro" a Galati nella rete del racket

Torna su
PalermoToday è in caricamento