Carte di credito clonate, scoperta truffa da 3 milioni: 24 arresti

Gli indagati sono accusati di associazione a delinquere finalizzata alla ricettazione, riciclaggio e all'illecito utilizzo di codici di carte di credito clonate. L'operazione è stata condotta dalla polizia e denominata "Free Money". Si teme che dietro la banda possa esserci anche Cosa nostra

Operazione Free Money

Una maxifrode realizzata attraverso l'utilizzo di carte di credito clonate è stata scoperta dalla polizia. Gli investigatori della squadra mobile e della polizia postale hanno eseguito un provvedimento di fermo emesso dalla procura a carico di 24 persone accusate (LEGGI I NOMI), a vario titolo, di associazione a delinquere finalizzata alla ricettazione, al riciclaggio e all'illecito utilizzo di codici di carte di credito clonate. (LE INTERCETTAZIONI - VIDEO)

E' emerso che la base operativa del gruppo era a Palermo, ma con ramificazioni anche in ambito nazionale e con profili internazionali, finalizzata al conseguimento di ingenti somme di denaro mediante l'uso fraudolento di codici di carte di credito clonate. La banda sgominata aveva propaggini internazionali in Russia, Ucraina e Romania (I RETROSCENA).

L'operazione, denominata "Free Money", è partita a seguito della denuncia presentata alla squadra mobile dal direttore di un istituto di credito cittadino, relativa ad un tentativo di frode con carte di credito clonate, avvenuto attraverso l'utilizzo illecito di un pos appartenente a una ditta di autonoleggio con sede a Palermo (della quale non è stato reso noto il nome ndr.).

Il giro d'affari accertato dagli investigatori ammonta a circa 3 milioni di euro. Le indagini si sono avvalse di intercettazioni telefoniche, ambientali e telematiche, riscontrate, tra l'altro, da servizi di pedinamento, osservazione sul territorio e accertamenti bancari. Le vittime della truffa erano, nella maggior parte dei casi, possessori statunitensi di carte di credito, clonate da hacker russi, per svariate migliaia di dollari. La portata del fenomeno, che già da tempo aveva assunto dimensioni considerevoli, aveva destato la preoccupazione delle autorità statunitensi e l'interesse dei media americani.

Non è escluso che quello delle truffe con carte di credito clonate possa essere un nuovo canale di approvvigionamento delle casse della mafia. E ciò sarebbe dimostrato dalla contiguità di alcuni dei 24 destinatari del provvedimento di fermo, a note famiglie mafiose palermitane.
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Tragedia al Tc3, morto assicuratore: 10 anni fa attraversò lo stretto di Gibilterra a nuoto

  • Politica

    Teatro Biondo, 12 candidature per il dopo Alajmo: al via la procedura di nomina

  • Politica

    A Bellolampo c'è la linea compost, ma il Comune affida ai privati lo smaltimento dei "rifiuti verdi"

  • Cronaca

    Porticciolo di San Nicola l'Arena, dimentica il freno a mano e l'auto finisce in mare

I più letti della settimana

  • Incidente in via Libertà, tre feriti gravi: "Urla strazianti, un intero quartiere è sceso in strada"

  • Terrasini, ritrovato il cadavere del 17enne trascinato in mare da un'onda mentre pescava

  • Via Oreto, muore d'infarto mentre è al volante

  • Suicidio in zona viale Lazio, si lancia dal quinto piano e muore

  • Decathlon aprirà a Palermo: il colosso di articoli sportivi nell'ex stabilimento Coca Cola

  • Inseguimento da film, furgone contromano in viale Regione si scontra con la polizia: 4 feriti

Torna su
PalermoToday è in caricamento