Il giudice di Trento si difende: "Volevo zittire l'avvocato, non offendere Palermo"

Il giudice che ha pronunciato la frase che ha scatenato le polemiche si difende: "Colpa del comportamento scorretto dell'avvocato". Ma intanto il ministro della Giustizia Orlando ha incaricato gli ispettori di svolgere accertamenti

Il giudice Carlo Ancona - foto Voce del Trentino

"Non volevo offendere la città di Palermo, solamente zittire quell'avvocato scorretto". Si giustifica così il giudice di Trento finito nell'occhio del ciclone per la frase "razzista" pronunciata durante un dibattimento. Ma intanto è stato aperto un fascicolo sul tavolo del ministro della Giustizia. Il guardasigilli Andrea Orlando ha incaricato gli ispettori di svolgere accertamenti su quanto accaduto ieri , quando il presidente del Tribunale del riesame, Carlo Ancona, ha risposto a un avvocato dicendo: "Qua siamo in un posto civile, non siamo a Palermo".  Come prima cosa gli ispettori chiederanno una relazione al procuratore generale di Trento.

L'episodio è stato portato a conoscenza della stampa da Stefano Giordano, del Foro di Palermo, protagonista della vicenda. "E' un fatto gravissimo - ha dichiarato Giordano - oltre che una frase razzista. Il presidente del tribunale del Riesame, il dottor Carlo Ancona, nel condurre l'udienza con un indagato palermitano e con il sottoscritto come difensore, mi ha impedito di svolgere la mia arringa proferendo quella frase. A questo punto, ho chiesto, e solo dopo numerosi sforzi, ho ottenuto la verbalizzazione di quanto accaduto. Purtroppo, nonostante le numerose richieste, non sono riuscito a ottenere dalla cancelleria del Tribunale del Riesame di Trento copia del suddetto verbale. Manifesto la mia preoccupazione per quanto accaduto in quanto avvocato, in quanto cittadino italiano e, soprattutto, in quanto palermitano".

"Siamo in posto civile, non a Palermo", polemiche per la frase del giudice

Ancona dopo "l'incidente diplomatico" ha ammesso di avere pronunciato la frase, ma "senza volere assolutamente offendere la città di Palermo”. Il giudice ha spiegato che il suo intento era semmai quello di zittire l’avvocato: "Diciamo - ha detto al quotidiano Il Dolomiti - che il comportamento scorretto dell’avvocato mi ha fatto uscire questa frase. Toni fuori dal contesto e una sobrietà non proprio asburgica, al quale noi siamo sicuramente più abituati, mi ha portato a zittire l’avvocato in questo modo”

Il legale palermitano, figlio del presidente del "maxiprocesso" di Palermo Alfonso Giordano, intanto ha annunciato di volere presentare, insieme al presidente del'Ordine di Palermo Francesco Greco, un esposto da inviare al Csm e alle altre autorità istituzionali competenti.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (12)

  • il giudice Ancona , forse non si è letto fra le righe, ha offeso anche i giudici che operano a Palermo infatti nel suo dire ha detto che i magistrati a Palermo fanno ,quasi, bisbocce nelle aule.

  • Un giudice (udite udite) abruzzese, un meridionale che vuol fare il nordista. Che c****! Abruzzese poi...

  • Avatar anonimo di Trizzino
    Trizzino

    Non avrebbe poi torto...ma comunque si dice , "addifienni u tua, o tuortu o rittu " 

  • Avatar anonimo di Doni
    Doni

    Speriamo però che se il giudice si dovrebbe decidere a venire giu, una volta qui a Palermo non sale negli autobus specie 101, e nemmeno gira in città, zone di tipo che noi sappiamo benissimo, e li purtroppo il s giudice l'avrà vinta. Intendo non solo le zone di degrado e basso ceto sociale, ma tra borsaioli, scippatori, diciamo rapinatori, spilatori di portafogli all'interno degli autobus noi palermitani facciamo figura. Nemmeno a Napoli si vedono e sentono queste cose.

    • Infatti, a Napoli si vede di peggio...

  • Ancona giudice non sei degno di portare il nome di una bellissima citta Ancona che ne pensi di venire giu da noi a prendere lezioni di civilta e buona educazione non scusarti perche non sei degno di indossare quella toga

  • Sg. Giudice Carlo Ancona ma lei e' stato mai a Palermo? venga giu' e' veda lei stesso la generosita' e' la civilta' che esiste a Palermo,...... Tanti auguri...

  • bel modo per zittire una persona, complimenti! La miglior difesa, in questo caso, è il silenzio. Ma, a quanto pare, non vuol capirlo!

  • Con tali giudici non c'è da meravigliarsi che La giustizia italiana è fra le peggiori in Europa.

  • Complimenti al signor giudice che ha dato ampia dimostrazione che l'inciviltà non è solo una peculiarità del profondo sud.

    • brava , concordo

  • Io sono onorato di essere nato a Palermo e siccome sono una persona civile non offendo i trentini.... ma signori si nasce

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Ragazzino di 14 anni si risveglia dal coma dopo grave incidente in via Albanese

  • Cronaca

    Piazza Sant'Anna, aggredito un venditore di palloncini: "Picchiato fino a fargli perdere i sensi"

  • Cronaca

    Più sicurezza al mare: poliziotti tra i bagnanti a Mondello, posti di blocco vicino ai locali

  • Cronaca

    Confiscati i beni di Giovanni Costa: le chiavi di Villa Celestina al sindaco di Bologna

I più letti della settimana

  • Mondello, seduto in acqua viene colto da infarto: muore davanti alla riva

  • Incidente in via dei Cantieri, investita da un camion: gravissima una donna

  • Addio Serie A, il giudice sportivo rigetta il reclamo del Palermo

  • Auto giù dal ponte sul traghetto Napoli-Palermo schiaccia due passeggeri: un morto

  • Amat profondo rosso, aut aut al Comune: "Dal primo agosto pronti a fermare il tram"

  • Giovane ferito con una pistola, il titolare del pub: "Che paura, abbiamo rischiato grosso"

Torna su
PalermoToday è in caricamento