La Gesip è salva… fino a giugno: via al contributo di 10 milioni

Al termine del lungo vertice al Viminale, la Protezione civile nazionale ha sbloccato i fondi che serviranno a tenere in vita la società fino al 30 giugno. Soddisfatti i sindacati

Via libera al contributo straordinario da 10 milioni di euro voluto dalla Regione siciliana per far fronte all'emergenza Palermo garantendo la prosecuzione dell'attività della Gesip. E’ il risultato dell'incontro romano convocato dal prefetto Umberto Postiglione, a cui hanno preso parte la Regione, il dipartimento nazionale di Protezione civile e il Comune. E’ stato raggiunto un accordo sulle modalità con cui, mediante il rinnovo dell'ordinanza di protezione civile n. 3957 finalizzata a far fronte alla situazione d'emergenza verificatasi a Palermo “in ordine allo svolgimento dei servizi pubblici di trasporto a discarica scarti, tutela del verde pubblico, tutela della salute e della salvaguardia ambientale, pulizia e bonifica spiagge, pulizia e bonifica sottopassi, parchi e ville”, verranno utilizzati i 10 milioni di euro messi a disposizione per Gesip dall'amministrazione regionale siciliana, con le risorse provenienti dagli obiettivi di servizio ex delibera Cipe.

Le somme saranno erogate in due trance da 5 milioni ciascuna, la prima delle quali sarà resa rapidamente disponibile. Per ottenere la seconda trance entro il 31 maggio, il Comune dovrà predisporre e presentare, entro il 26 maggio, il Piano analitico per l'attuazione delle linee guida ed il Piano di azione per la razionalizzazione dei servizi essenziali. “Accogliamo con soddisfazione la notizia dell'accordo per la Gesip. Aspettiamo di conoscere i dettagli e lavorare finalmente ad un piano strutturale. Intanto i lavoratori possono tirare un sospiro di sollievo”. Lo dice Mimma Calabrò, segretario generale Fisascat Cisl.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • ecco cosi 'i lavoratori possono spendere i loro quattrini senza lavorare che schifo siamo alle solite acora lo stato non ha capito che la gesip e' una manfrina ***** solo soldi senza servizi per il cittadino qui ci vuole un nuovo m******** tutti a casa lavoratori inutili

    • Avatar anonimo di benny
      benny

      spero che mai lei si dovredde trovarsi nella loro sitiazione.

      • per il sig. benny..se io ero al posto di un lavoratore della gesip purtroppo dovevo seguire la loro direzione di non far un bel niente solo a riscuetere e basta perche' si sa che quando una persona vuole intrapendere delle nuove direttive di lavoro per amore di mantenere il posto quindi anche a lavorare,allora si che ti criticano oppure  ti lasciano da soli..ho ti dicono chi si sbirro quindi speriamo che questa societa' chiuda al piu' presto

        • Avatar anonimo di giovanni
          giovanni

          sono sicuro che in questo momento di crisi mondiale non esiste persona che voglia il non lavoro di operai. ti auguro di vero cuore di ritrovarti a pulire la spiaggia di mondello con me almeno brutto escremento non dirai piu' queste cose su poveri operai che comunque garantiscono servizi utili per palermo. comunque ti voglio sottolineare che chi commenta non e' operaio gesip ma un normale cittadino palermitano che apprezza l'operato della gesip augurandomi che non fallisca mai ciao e buon lavoro anche a te

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Festino 2017, su il sipario: "Evento pop, Statua e Carro costruiti dagli studenti"

  • Elezioni comunali 2017

    Matteo Salvini torna in città, diretta Facebook alle 15 su PalermoToday

  • Elezioni comunali 2017

    Di Maio fa tappa a Palermo: incontro pubblico in piazza Bologni

  • Cronaca

    Allarme bomba in via Lo Jacono, area transennata e traffico bloccato

I più letti della settimana

  • Omicidio di mafia in via D'Ossuna, Giuseppe Dainotti ucciso in strada a colpi di pistola

  • E' in vendita anche a Palermo la “marijuana legale”: ecco dove si può comprare EasyJoint

  • "Quando Raffaele Cutolo pisciò addosso a Totò Riina": le nuove rivelazioni

  • Rapinatore e killer mafioso dal destino segnato, la storia del boss Dainotti: "Uccidetelo"

  • Oscar, sequestrati 1.000 chili di prodotti: “Cassate e gelo di melone mal conservati”

  • Tragedia in Aula Bunker, ex carabiniere accusa malore: morto in ospedale

Torna su
PalermoToday è in caricamento