"A munnizza ieccala a to casa", flash mob in spiaggia a Mondello

L'iniziativa portata avanti dall'associazione "Palermo indignata". Gli attivisti hanno anche ripulito il litorale aiutati dai bagnanti che hanno accolto positivamente all'invito. "Palermo ha risposto alla grande e ciò ci rende felici. Non ci fermeremo"

"A munnizza ieccala a to casa". Questo il contenuto dello striscione esposto durante il flash mob organizzato dall'associazione "Palermo indignata" sulla spiaggia di Mondello. In questo modo gli attivisti, che hanno anche ripulito il tratto di litorale, hanno voluto dare un segnale forte contro l'abbandono indiscriminato dei rifiuti in spiaggia.

"Durante il flash mob - afferma Alessandro Bruno - abbiamo visto tante persone guidate dalla voglia di cambiare realmente le sorti della nostra città. Una delle fasi del flash-mob ci ha visto raccogliere i rifiuti tra i bagnanti, la cosa più bella è stato proprio in quei momenti vedere molti bambini che si avvicinavano portandoci rifiuti da cestinare. Anche molti tra i bagnanti hanno partecipato vivamente unendosi al coro, chiedendoci informazioni sulla nostra iniziativa, unendosi allo spirito del gruppo. Non è già questa la coscienza civica a cui auspichiamo? Sappiamo che il "cambiamento" non può essere immediato e improvviso, abbiamo bisogno di tempo e di volontà. Palermo - conclude - ha risposto alla grande e ciò ci rende felici. Non ci fermeremo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

  • Finanzieri in una palestra di Cefalù, sequestrate attrezzature per il fitness: "Erano contraffatte"

Torna su
PalermoToday è in caricamento