Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Il flash mob degli avvocati con toghe e mascherine: "La giustizia per lo Stato non è servizio essenziale"

Una lunga passeggiata verso il Tribunale - che da oggi riapre ma con attività ridotte - e lo sfogo: "Migliaia di procedimenti non saranno trattati e i cittadini non avranno giustizia. I 600 euro sono solo una mancetta che non serve a pagare tutte le spese"

 

"Non siamo soddisfatti delle modalità della ripartenza. Soltanto alcune nostre proposte sono state accolte. Ma per l'avvocatura palermitana non è sufficiente", dice il presidente dell’Ordine degli avvocati di Palermo, Giovanni Immordino.

"Abbiamo presentato 26 pagine di osservazioni, tutte rese pubblicate agli iscritti, che ritenevamo serie e costruttive. L'attività giudiziaria deve ripartire - aggiunge Immordino - e continueremo a lavorare unicamente in tal senso. Adesso che per fortuna il contagio da Covid-19 sta notevolmente rallentando, confidiamo che l’osservatorio paritario tra magistrati e avvocati istituito dal presidente del Tribunale possa approntare misure che consentano di anticipare la ripresa di tutta l’attività giudiziaria per il 31 maggio, pur con tutte le cautele per la salute degli operatori”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
PalermoToday è in caricamento