Ambulanti nel mirino della Finanza: il 95% non rilascia lo scontrino

Controlli in tutta la provincia: su 61 ambulanti a posto fisso controllati sono state riscontrate irregolarità in 58 casi. Elevate multe per 250 mila euro

Una pattuglia della guardia di Finanza

Giro di vite sul mercato ambulante fisso e non. I finanzieri delle Compagnie di Partinico, Termini Imerese e Bagheria, delle Tenenze di Corleone, Lercara Friddi, Petralia Soprana e Cefalù e della Brigata di Carini, in tutto il territorio provinciale, hanno controllato 61 ambulanti a posto fisso, di cui 31 dediti alla vendita di frutta e verdura, 6 di prodotti alimentari e pesce, 10 di abbigliamento e 14 di casalinghi e fiori, riscontrando irregolarità in 58 casi (circa il 95%) ed elevando multe pari, nel complesso, a circa 200.000 euro.

Trentasette ambulanti sono risultati abusivi e sono stati verbalizzati per il mancato possesso della licenza e per la mancata installazione del misuratore fiscale: di questi 18, sorpresi nel momento della vendita, sono stati sanzionati anche per mancata emissione dello scontrino fiscale.

Gli abusivi sono stati segnalati dalla Finanza all’Agenzia delle Entrate ai fini dell’attribuzione della partita Iva, di modo da consentirne l’emersione ed il puntuale monitoraggio della loro posizione fiscale. Dei restanti 24 controllati, tutti regolarmente autorizzati ad operare come ambulanti, 16 sono stati verbalizzati per mancata emissione di scontrino fiscale e altri 5 per mancata revisione dell’apparecchio di misurazione fiscale.

I militari del gruppo di Palermo, poi, hanno effettuato un piano di controllo mirato nei  mercati rionali di viale Strasburgo e Via Notarbartolo trovando, in una sola giornata, altri 12 venditori ambulanti, regolarmente autorizzati e muniti di partita Iva, privi però del registratore di cassa (di cui 4 verbalizzati anche per mancata emissione dello scontrino) e contestando ulteriori violazioni per circa 50.000 euro.

Nel corso dei controlli sono stati anche sequestrati, nel complesso, più di 3.000 “pezzi”, fra capi di abbigliamento, relativi accessori e scarpe contraffatte, supporti ottici ed audiovisivi contenenti film e brani musicali illecitamente duplicati, giocattoli e cosmetici pericolosi e privi del marchio CE, a carico di 5 soggetti denunciati a piede libero, due dei quali sorpresi a vendere borse e scarpe false su teli gettati a terra nella centralissima via Ruggero Settimo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • Tragedia a Bellolampo: uomo ucciso da una cavalla durante il parto, grave il figlio

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

Torna su
PalermoToday è in caricamento