Più controlli dalla periferia al centro, la polizia si mobilita per un "Ferragosto sicuro"

Varato un piano ad hoc per tutelare cittadini e turisti. Mobilitati tutti i reparti e le specialità. Intensificata la presenza sulle strade, nelle località balneari e nei luoghi della movida. Agenti a piedi pattuglieranno le strade contro i furti in appartamento

Pattuglia della polizia a Mondello

Parola d'ordine "sicurezza". La polizia, in occasione del Ferragosto, ha potenziato i controlli sul territorio mobilitando squadra mobile, ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico, digos, divisione di polizia amministrativa e sociale, divisione anticrimine, commissariati, ufficio immigrazione - e tutte le specialità - reparto mobile, reparto volo, reparto a cavallo, polizia stradale, polizia ferroviaria, polizia postale e scientifica, artificeri e cinofili. Prevista "una significativa presenza sul territorio e un’intensa attività di prevenzione e controllo nelle vie cittadine, nelle località balneari, lungo le arterie stradali, nelle stazioni ferroviarie e presso il porto e l'aeroporto".

Lo scopo della Questura è quello di "garantire la sicurezza nei luoghi di balneazione cittadini e di provincia, interessando anche i commissariati distaccati, come Cefalù e Partinico". Attività di prevenzione e repressione soprattutto per rapine, spaccio di droga, abusivismo commerciale. Particolare attenzione sarà dedicata ai falò in spiaggia la notte di Ferragosto. 

Tra gli obiettivi prioritari "il contrasto alla criminalità diffusa, la prevenzione e la repressione delle forme di illegalità maggiormente connesse all’affluenza dei turisti - tra cui i furti con strappo, i borseggi e la vendita di merce contraffatta - nonché la tutela dei cittadini maggiormente esposti a rischio in relazione all'esodo estivo".

I poliziotti di quartiere pattuglieranno il centro storico, ma anche Cefalù e Mondello, assicurando "costanti contatti con cittadini e commercianti". Presidiati anche i luoghi tradizionalmente frequentati da cittadini e turisti, con particolare riguardo al cosiddetto “Percorso Arabo Normanno dell’Unesco”.

Grande attenzione viene inoltre rivolta ai furti in appartamento (soprattutto nelle zone particolarmente colpite dal fenomeno), alle truffe agli anziani e all'assistenza alle fasce deboli. Particolari controlli saranno effettuati da agenti a piedi "che, nei quartieri di competenza effettueranno passaggi, per verificare che non ci siano anomalie di alcun tipo e al fine di assicurare una serena fruizione dei luoghi di maggiore interesse".

Dalla Questura arriva l'invito ai cittadini a "segnalare immediatamente al 113  rumori sospetti che provengono da appartamenti limitrofi al proprio, soprattutto quando si è a conoscenza che il vicino non si trova in casa".

Implementata la vigilanza al porto e in aeroporto anche da parte della Polmare e della Polaria, "che appilcheranno tutte quelle misure preventive e di sicurezza previste dagli specifici piani antiterrorismo predisposti a livello nazionale e locale".

Sotto la lente di ingrandimento anche i luoghi della movida, le discoteche i pub, i luoghi d’incontro, dove si riuniscono giovani palermitani e turisti. I controlli mirano "a contrastare l’uso di alcolici e di droghe tra gli adolescenti, ed evitare che questi si mettano alla guida in condizioni psicofisiche alterate, causando pericoli per se stessi e per gli altri".

Sul fronte della sicurezza stradale sarà ampliato il dispositivo di sicurezza grazie all’utilizzo di numerose pattuglie impiegate sulle principali arterie stradali ed autostradali in ambito provinciale, interessate dall’esodo ferragostano. Oltre che alla velocità, rilevata con i più moderni mezzi tecnici, le pattuglie della polizia stradale presteranno particolare cura alla verifica della soglia di alcool o dell’abuso di sostanze stupefacenti da parte degli automobilisti, così da prevenire gli incidenti.

Controlli ad hoc saranno effettuati in prossimità delle discoteche e dei locali notturni "mirati alla verifica delle condizioni psicofisiche dei conducenti". Verranno rafforzati anche i servizi di vigilanza all’interno delle aree di servizio, con l’impiego di personale in abiti civili per la prevenzione e repressione dei reati, con particolare riguardo a furti, scippi e rapine.

Per garantire la sicurezza in mare la polizia metterà in campo, come di consueto, la squadra nautica, che si avvale del nucleo sommozzatori e del team degli acquascooter. Da quest’anno, inoltre, nel mese di agosto, ci sarà il supporto degli equipaggi del IV reparto volo. "Ricevuta la segnalazione di soccorso - precisano dalla Questura - la sinergica collaborazione tra gli equipaggi permetterà di raggiungere in pochi muniti il tratto di mare dove è stata segnalata la necessità di effettuare salvataggi di bagnanti in difficoltà o persone scomparse. Con l’ausilio dei veivoli del reparto volo, la squadra sommozzatori, coadiuvata in mare dalla squadra nautica, in pochi minuti sarà trasportata sul luogo dell’intervento, ove con solerzia e incisività potrà effettuare il soccorso".

I giardini e le zone verdi di Palermo saranno presidiate in particolar modo dal reparto a cavallo.

 
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Poliziotto della questura di Palermo si suicida lanciandosi da un viadotto

  • Incidente stradale, morta a 42 anni ginecologa palermitana

  • Incidente a Terrasini, scontro auto-moto: morto 38enne, grave una donna

  • Pestato durante una lite con la moglie, 41enne muore al Civico

  • Ferragosto tragico: si tuffa in mare e muore annegato ad Aspra

  • "Addio Lando": è morto il proprietario del Break

Torna su
PalermoToday è in caricamento