Crosta, pensione d’oro dimezzata Percepirà “solo” 621 euro al giorno

La Cassazione ha concluso la battaglia legale iniziata con il ricorso dell’ex dirigente regionale dopo la sentenza della Corte dei conti che, nel 2010, gli aveva dimezzato il vitalizio

Pensione dimezzata per il “povero” Felice Crosta, ex dirigente della Regione che percepiva oltre 1.300 euro al giorno. La Cassazione ha concluso la battaglia legale iniziata con il ricorso di Crosta dopo la sentenza della Corte dei conti che, nel 2010, gli aveva dimezzato il vitalizio.
Adesso l’ex dirigente, nominato nel 2006 dall'allora governatore Salvatore Cuffaro a capo dell'Agenzia per i rifiuti (Arra), con un compenso di oltre 460 mila euro l'anno, percepisce 621 euro al giorno. Fu proprio quell’incarico ad essere considerato secondo una norma approvata dall’Ars poco prima della sua nomina ad essere considerata la base pensionabile del dirigente. E così Crosta percepirà "soltanto" 227 mila euro all'anno.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Poliziotto della questura di Palermo si suicida lanciandosi da un viadotto

  • Incidente stradale, morta a 42 anni ginecologa palermitana

  • Pestato durante una lite con la moglie, 41enne muore al Civico

  • Ferragosto tragico: si tuffa in mare e muore annegato ad Aspra

  • Papireto, tenta suicidio ma si schianta al piano di sotto: ferita una donna

  • Auchan, ruba 63 barattoli di pesto di pistacchio: arrestato

Torna su
PalermoToday è in caricamento