Chiedono il pizzo al gestore di uno stabilimento balneare a Trabia, due arresti

Antonino Teresi, 57 anni, e Pietro Erco, 55 anni, entrambi trabioti, volevano gestire il parcheggio del lido. Dato che l'imprenditore si è opposto alla richiesta, i due avrebbero chiesto di avere, al termine della stagione estiva, una parte dei guadagni

La caserma dei carabinieri di Termini Imerese

Sono ritenuti responsabili di un’estorsione e di una tentata estorsione ai danni di un gestore di uno stabilimento balneare di Trabia, aggravate dall’utilizzo del metodo mafioso e di aver agito con il fine di agevolare l’attività dell’associazione mafiosa. Con questa accusa questa mattina all'alba, i carabinieri del Nucleo operativo della compagnia di Termini Imerese, hanno arrestato e condotto in carcere Antonino Teresi, 57 anni, pregiudicato per 416 bis, e Pietro Erco, pregiudicato, 55 anni, entrambi trabioti.

Dalle indagini condotte dai carabinieri, sotto la direzione della Dda di Palermo - tra maggio ed agosto scorso - sarebbe emerso che i due pregiudicati volevano gestire il parcheggio del lido di Trabia. Dato che l'imprenditore si è opposto alla richiesta estorsiva, in alternativa i due avrebbero chiesto di avere, al termine della stagione estiva, una parte dai guadagni derivanti dalla gestione del parcheggio. L’attività investigativa ha permesso infine di rilevare che Teresi ed Erco in numerose occasioni si sarebbero recati presso il lido balneare, anche in compagnia di parenti, consumando senza mai pagare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quella notte d'amore all'Ucciardone, Graviano: "Ho fatto un figlio ed ero al 41 bis"

  • Colpo al clan dell'Arenella, 8 arresti: c'è anche il boss accusato della strage di via D'Amelio

  • Donna di 52 anni muore al Policlinico, tensione in ospedale: familiari sporgono denuncia

  • La migliore arancina di Palermo? Simone Rugiati non ha dubbi: "E' quella di Sfrigola"

  • Mafia, la vedova Schifani sull'arresto del fratello: "Sono devastata, per me è morto ieri"

  • L'Arenella e lo Scotto da pagare: dallo "stigghiolaro" a Galati nella rete del racket

Torna su
PalermoToday è in caricamento