Il sindacalista e la malattia sconfitta: "Non mi avevano dato speranza, guarito dopo due mesi"

La storia di Enzo Munafò, leader della Fials palermitana, sindacalista della sanità: "Ho rischiato la vita, negli ospedali siciliani figure eccellenti. La buona sanità c'è e si deve raccontare"

Da 40 anni sindacalista nel settore della sanità, occupandosi di uno dei settori più delicati dell’Isola. Fino ad oggi, quando ha avuto la possibilità di constatare i miglioramenti e le eccellenze raggiunto nella sua Palermo: è la storia di Enzo Munafò, leader della Fials palermitana, pronto a lasciare l'ospedale Villa Sofia-Cervello dopo due mesi di degenza durante i quali è stato anche in pericolo di vita.

“Non trovo parole di ringraziamento per le cure, l’abnegazione e la professionalità che mi sono state rivolte – dice Munafò - non certo per il mio ruolo, ero un utente della sanità come tanti altri verso cui il personale garantisce sempre il massimo impegno. Ma questa occasione mi è servita per vedere da vicino le condizioni in cui lavorano infermieri, medici, ausiliari. Ecco perché voglio esprimere il mio affetto a questi lavoratori e a tutto il personale. Invito l’assessore a promuovere tutte le azioni utili per implementare il personale nel più breve tempo possibile attraverso i bandi di concorso”.

Un grande ringraziamento arriva anche dalla figlia, Stefania Munafò: “La buona sanità esiste e si deve parlare anche di questa – dice -  il reparto di Chirurgia maxillo facciale e plastica di Villa Sofia non può e non deve rappresentare per l’utenza lo “scandalo” che negli ultimi anni è stato associato a Tutino-Sampieri-Crocetta. Il reparto di Chirurgia maxillo facciale e plastica oggi diretto dal primario Dario Sajeva è ben altro che un luogo d'affari così come fatto emergere nel recente passato. Il reparto vanta una equipe di medici, infermieri ed oss qualificati e diretti egregiamente dal dottor Sajeva al quale voglio pubblicamente fare i miei complimenti per la gestione, la professionalità, l'etica e l'attenzione all'aspetto umano verso ogni paziente”.

Munafò, che è commissario cittadino di Diventerà bellissima, ringrazia “il personale che ha lavorato con grande impegno nonostante il numero di unità sia inferiore a quello previsto per legge. Quindi ne approfitto per chiedere al direttore generale, che si è già mosso e reso disponibile, di provvedere ad implementare le risorse umane. A mio padre Enzo non era stata data speranza a causa di una fascite necrotizzante in setticemia. Oggi ringrazio le mani e il cuore di questo chirurgo e il lavoro giornaliero della sua equipe per come hanno saputo gestire, contenere e infine sconfiggere l’infezione che hanno portato alla guarigione di mio padre. La buona sanità c’è, esiste e si deve raccontare. Il mio ringraziamento ufficiale è per tutta l’equipe del Trauma center diretta dal dottor Iacono, e per il dottore Farinella primario di Malattie infettive. È stato un percorso che li ha visti lavorare insieme nella lunga ospedalizzazione e che oggi ha portato ad avere salvato la vita di mio padre”.

Potrebbe interessarti

  • Igiene in casa, ogni quanto si devono cambiare (davvero) lenzuola e asciugamani

  • Api, vespe e calabroni non si uccidono ma si allontanano: ecco i rimedi naturali

  • Cactus mania, avere piante grasse in casa non è solo bello ma fa anche (molto) bene

  • Bonus casa a chi ristruttura, detrazioni fiscali per l'acquisto di mobili e condizionatori

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia fra Palermo e New York, 19 arresti: decapitato mandamento di Passo di Rigano

  • Morto noto commerciante palermitano, era lo zio di Eleonora Abbagnato

  • Via D'Amelio, incontro in Questura: arriva Gigi D'Alessio e Fiammetta Borsellino va via

  • San Vito Lo Capo, ragazzo monrealese di 20 anni cade dagli scogli e muore

  • Medaglie d'Oro, "trasmetteva" Sky (quasi) gratis: nella stanza da letto 57 decoder e 187 mila euro

  • Mafia, blitz tra Palermo e New York: i nomi degli arrestati

Torna su
PalermoToday è in caricamento