Rifiuti, a S.Giuseppe Jato telecamere contro le discariche abusive

Raffica di multe per i cittadini che non hanno rispettato l'ordinanza relativa alla raccolta differenziata. Le strade sono state passate al setaccio e ripulite. Bonificate le tre aree di sosta che su trovano lungo la statale Palermo-Sciacca

il sindaco Licari durante i controlli

Tolleranza zero verso chi abbandona rifiuti e non rispetta il calendario della raccolta differenziata. Ad annunciarla il sindaco di San Giuseppe Jato, Davide Licari, che ha disposto controlli più severi lungo le strade cittadine.

Una quindicina le multe elevate in poche ore dalla polizia locale nei confronti di chi non ha rispettato l’ordinanza sindacale che regolamenta il conferimento dei rifiuti. A controllare le vie del centro abitato anche lo stesso primo cittadino, gli assessori Massimo Di Gregorio e Calogero Randazzo, i vigili urbani e gli operatori ecologici di una ditta privata. Repressione ma anche informazioni. A tanti cittadini è stata infatti spiegata la modalità con cui conferire i rifiuti in base all’eco-calendario comunale. “In poche ore – spiega Licari – sono stati passati al setaccio diverse zone del paese alla ricerca dei trasgressori. In alcuni casi sono stai aperti anche i sacchetti alla ricerca di informazioni che ci hanno permesso di risalire all’identità dei cittadini”.

La decisione arriva dopo una serie di segnalazioni e lamentele giunte in Municipio. Adesso i trasgressori si vedranno recapitare una multa salatissima: la sanzione può arrivare fino a 600 euro.

I controlli continueranno anche nei prossimi giorni. Il Comune ha annunciato inoltre che a breve saranno installate alcune telecamere di sorveglianza nelle zone interessate dal fenomeno delle discariche abusive. Bonificate anche le tre aree di sosta che su trovano lungo la statale Palermo-Sciacca, nel tratto compreso fra le uscite per San Giuseppe Jato e Piana degli Albanesi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

  • Via Marchese di Roccaforte, comprano borragine ma è mandragora: gravi madre e figlia

Torna su
PalermoToday è in caricamento