Allarme droga tra i ragazzini, il prefetto: "Età del consumo scesa a 13 anni"

Nel primo semestre dell'anno sono stati segnalati in prefettura 1556 minorenni. Il prefetto Antonella De Miro ha incontrato i dirigenti scolastici degli istituti comprensivi e superiori della città per individuare "ulteriori forme di prevenzione"

Si abbassa vertiginosamente l'età dei consumatori di droga in città. A compare e consumare le dosi sono clienti sempre più giovani, anche tredicenni. Le segnalazioni complessivamente pervenute in prefettura sono state: 2713 nel 2017; 3183 nel 2018 e già solo nel primo semestre 2019 ben 1556. I dati sono stati resi noti dal prefetto Antonella De Miro, che ha incontrato i dirigenti scolastici di istituti comprensivi e superiori. Secondo quanto reso noto, in aumento anche le sanzioni del prefetto concernenti la sospensione della patente per guida sotto l'effetto di sostanze stupefacenti : 58 nel 2017; 78 nel 2018; 49 nel solo primo semestre 2019. 

prefetto dirigenti scolastici-2"L'argomento (il consumo di droga da parte dei giovani  ndr) - sottolinea il prefetto - è purtroppo sempre più di grande attualità, come dimostrano le numerose segnalazioni che giungono in prefettura da parte delle forze di polizia per consumo di sostanze stupefacenti e che riguardano anche giovanissimi: l'età del consumo si è abbassata addirittura a 13 anni".

L'azione di contrasto dello spaccio è al centro dell'attenzione del ministero dell'Interno e al tavolo del coordinamento delle forze di polizia sono state concordate mirate azioni di prevenzione e controllo dei luoghi maggiormente interessati con ottimi risultati. Molte le iniziative in stretta sinergia con il Comune per riqualificare le zone più a rischio del centro storico e intensificare i controlli ai locali pubblici ed ai pub. Il ministero dell'Interno ha anche finanziato la installazione di sistemi di videosorveglianza in talune scuole cittadine con un elevato numero di alunni.

"Numerose le azioni di polizia giudiziaria contro il traffico e lo spaccio ed è di questa mattina la notizia dell'operazione dei Carabinieri che ha disarticolato l'ennesima piazza di spaccio allo Zen - dice il prefetto - Si avverte tuttavia l'esigenza di altre e ulteriori forme di prevenzione. E in questo senso l'incontro di oggi muove dall'esigenza di promuovere la prevenzione anche attraverso la diffusione della conoscenza scientifica delle sostanze stupefacenti presso il mondo della scuola e della formazione, e favorire, d'intesa con l'Ufficio scolastico provinciale, lo sviluppo di utili rapporti interistituzionali al riguardo".

Spaccio davanti ai bambini tra i padiglioni dello Zen 2: 10 arresti, ci sono 3 ragazzini

E' intervenuta all'incontro anche Francesca Di Gaudio, direttore del Centro di farmacotossicologia regionale della Noor Villa Sofia-Cervello presso il Policlinico, che ha parlato soprattutto delle nuove droghe. "La professoressa ha efficacemente spiegato come sostanze tossiche e stupefacenti potrebbero pure celarsi anche in cocktail, liquidi per sigarette e prodotti reperibili su internet, che attirano l'interesse dei giovani", spiegano dalla prefettura. L'incontro è stato molto apprezzato dai dirigenti scolastici che hanno "offerto il proprio contributo di esperienza e di impegno sempre rivolto a garantire una completa offerta formativa per il migliore sviluppo dell'alunno". "Il benessere dei giovani - conclude il prefetto - è un valore e un obiettivo di cui devono farsi carico, a diversi i livelli, tutte le Istituzioni competenti che devono lavorare in rete con il mondo della scuola per sostenere i docenti nell'importante processo di una corretta informazione su un tema tanto delicato con l'auspicabile coinvolgimento delle famiglie".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il catering allo stadio per l'Italia, poi lo schianto mortale: il bar Rosanero piange il suo chef

  • Incidente in zona Fiera, perde il controllo della moto e cade: morto 43enne

  • Via Ugo La Malfa, esplode pneumatico: morto gommista di 18 anni

  • Palmese-Palermo, rissa furibonda tra tifosi rosanero: ci sono feriti

  • Truffe, droga e rapine: i boss di Brancaccio facevano spaccare le ossa ai disperati, 9 arresti

  • Tutti pazzi per il "black friday", ecco i negozi a Palermo dove trovare sconti e fare affari

Torna su
PalermoToday è in caricamento