"Falchi" entrano in casa e trovano 44 "pezzi" di hashish in cucina, arrestato a Boccadifalco

In manette un uomo di 32 anni, volto noto alle forze dell'ordine, inchiodato da una perquisizione. In azione gli uomini della Mobile e gli agenti del commissariato di Porta Nuova

L'hashish sequestrato

E' stato sorpreso all’interno della propria abitazione con quella che la polizia ha definito "una considerevole quantità di hashish". I "Falchi" della sezione Contrasto al crimine diffuso della Squadra mobile e gli agenti del commissariato Porta Nuova hanno arrestato un palermitano di 32 anni (S.G. le sue iniziali) con precedenti. Le forze dell'ordine sono intervenute nell'abitazione dell'uomo a Boccadifalco nell’ambito di mirate attività info-investigative finalizzate al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti a Palermo.

"I poliziotti sono arrivati nel suo appartamento - dicono dalla questura - dopo aver sviluppato precedenti spunti investigativi e hanno sottoposto a perquisizione l’immobile del 32enne che era un volto noto. Nel corso dei controlli, sopra uno stipetto della cucina, hanno trovato 44 “pezzi” di hashish, per un peso complessivo di circa 92 grammi, un bilancino e materiale per il confezionamento dello stupefacente. L'hashish era, quindi, ancora 'grezzo' ed in attesa di essere 'lavorato' e confezionato. Ulteriori indagini sono in corso per accertare se lo stupefacente fosse destinato al mercato al dettaglio o a un altro 'grossista' della droga".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lite dopo gli insulti alla moglie, sparatoria allo Zen: fermato un pregiudicato

  • Zona via Belgio, si suicida lanciandosi dal quarto piano: paura davanti a una scuola

  • Si cercano portalettere, Poste Italiane assume anche a Palermo

  • Allo Zen si torna a sparare, 48enne grave in ospedale

  • Falliscono colpo in casa e si "imbucano" a veglia funebre per evitare i carabinieri, 2 arresti

  • Detenuto suicida in carcere, indagata per omicidio colposo la direttrice del Pagliarelli

Torna su
PalermoToday è in caricamento