Ospedale dei Bambini: fratelli imprenditori regalano tv e poltrone per i piccoli pazienti

Antonio e Vincenzo Cancascì, che lavorano nel settore carburanti, hanno donato attrezzature e arredi con un "occhio di riguardo" per i pazienti del reparto di Oncologia. "Questa è una struttura d'eccellenza. Anche il privato deve fare la propria parte"

Televisori, proiettori e arredi donati all’Ospedale dei bambini. Si è svolta stamattina, nella struttura sanitaria di via dei Benedettini, l’iniziativa benefica che ha visto protagonisti i fratelli Antonio e Vincenzo Cancascì, che lavorano nel settore della distribuzione di carburanti all’ingrosso. I due imprenditori hanno voluto regalare ai piccoli pazienti, con un occhio di riguardo per quelli del reparto di Oncologia pediatrica, delle nuove attrezzature che possano migliorare la loro degenza.

"Crediamo sia importante - spiega Antonio - destinare parte dei nostri utili a quelle che consideriamo eccellenze e ci auguriamo che anche altri imprenditori facciano lo stesso. Anche il privato deve fare la propria parte. In questo ospedale abbiamo sempre notato un 'attaccamento alla maglia' da parte del personale che è un grande punto di forza". "Ormai sono anni - spiega Vincenzo - che abbiamo 'adottato' questo fantastico ospedale. Quando viaggio per lavoro e mi trovo all'estero o al Nord Italia penso a questa struttura, che non ha nulla da invidiare a quelle più blasonate".

I due fratelli di Misilmeri, dopo essersi confrontati con il direttore generale Giovanni Migliore e il direttore sanitario Giorgio Trizzino, hanno acquistato due televisori da 40’’, uno da 32’’, un videoproiettore, un computer portatile, poltroncine colorate e altro ancora per le stanze dei piccoli pazienti dell’ospedale.

"La generosità - spiega Trizzino - è qualcosa che per il quale non bisogna aspettarsi un ritorno. Insieme alle nostre dottoresse cercheremo di individuare gli spazi più adeguati per questo materiale, come l’aula in cui vengono fatte attività didattiche". "I bambini - ha dichiarato Migliore - sono al centro della nostra attenzione, perché in fondo siamo un po’ i ‘papà’ di tutti loro: sono il nostro presente e il nostro futuro".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Bravissimi!

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Tragedia allo Zen, bambino di un anno muore soffocato da un'oliva

  • Incidenti stradali

    Incidente in via Enrico Albanese: ragazzo in prognosi riservata

  • Cronaca

    Piazza Turba, a fuoco negozio di bici: migliaia di euro di danni

  • Elezioni comunali 2017

    Orlando contro il cielo: "E' l'ultima volta che mi candido, no al ritorno della palude"

I più letti della settimana

  • Omicidio di mafia in via D'Ossuna, Giuseppe Dainotti ucciso in strada a colpi di pistola

  • E' in vendita anche a Palermo la “marijuana legale”: ecco dove si può comprare EasyJoint

  • "Quando Raffaele Cutolo pisciò addosso a Totò Riina": le nuove rivelazioni

  • Rapinatore e killer mafioso dal destino segnato, la storia del boss Dainotti: "Uccidetelo"

  • Emma Marrone accusata di razzismo: "Non vuole esibirsi a Palermo"

  • Oscar, sequestrati 1.000 chili di prodotti: “Cassate e gelo di melone mal conservati”

Torna su
PalermoToday è in caricamento