Docente sospesa al Vittorio Emanuele: "Ritirare il provvedimento disciplinare"

Secondo Francesca Bellia, segretario generale Cisl Scuola Sicilia, lederebbe i principi costituzionali di libertà di insegnamento e di espressione: "Intervenga il Ministro, la scuola deve restare palestra di dialogo e democrazia"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

“Siamo dell’idea che il provvedimento disciplinare contro la docente Rosa Maria Dell’Aria dell’Iti Vittorio Emanuele III di Palermo vada ritirato, perché per noi lede i principi costituzionali di libertà di insegnamento e di espressione”. Così Francesca Bellia, segretario generale Cisl Scuola Sicilia commenta il caso dell’insegnante dell’Iti Vittorio Emanuele III di Palermo sanzionata dall’Ufficio scolastico provinciale. “Scelte come queste rischiano solo di scatenare un clima di tensione all’interno del sistema scolastico, il provvedimento non doveva essere né sollecitato né inflitto. Esprimiamo pieno sostegno e solidarietà alla docente destinataria della sanzione, serve una immediata risposta sul piano sociale e culturale per far ritirare questo inaccettabile provvedimento disciplinare”. “Intervenga il Ministro, la scuola deve restare palestra di dialogo e democrazia. Senza chiarezza e ritiro va attivata una petizione appello al Presidente Sergio Mattarella” conclude Bellia.

Torna su
PalermoToday è in caricamento