Percolato a Bellolampo, lavori di messa in sicurezza affidati a Rap

A firmare l'ordinanza sono stati il sindaco Orlando e l'assessore all'Ambiente Cesare Lapiana. Sarà l'azienda nata dalle ceneri dell'Amia a gestire prelievo, trasporto, conferimento e smaltimento del liquido tossico

La discarica di Bellolampo (foto archivio)

Alla Rap la messa in sicurezza della discarica di Bellolampo. Questa mattina l’assessore all’Ambiente Cesare Lapiana ha firmato un’ordinanza sindacale che dispone la gestione post-operativa, da parte dell'azienda che gestisce i servizi ambientali, delle sette vasche con la relativa messa in sicurezza degli impianti di stoccaggio del percolato di Bellolampo (Stazione Silos Nord, Stazione Silos Sud e vasche Valentini) fino al prossimo 31 dicembre 2015.

"Con questo atto – ha detto il sindaco Leoluca Orlando -  il Comune ha messo in sicurezza il territorio di Bellolampo intervenendo sul percolato, in vasche di pertinenza di Amia fallita e curatela e richiamando responsabilità e competenze di livello regionale". L'ordinanza dispone anche che Rap dovrà provvedere alle relative attività di prelievo, trasporto, conferimento e smaltimento del percolato con affidamento dei servizi ad operatori economici autorizzati. Nell'atto che porta la firma del Sindaco si invitano gli uffici di competenza a provvedere al reperimento delle relative risorse finanziarie quantificate in 700 mila euro.

"Ovviamente – ha aggiunto l’assessore Lapiana – la Rap è incaricata di agire per motivi di tutela ambientale, pur non avendo alcuna responsabilità della produzione del percolato, da ascriversi alle vasche precedentemente gestite dall’Amia in fallimento ed ormai chiuse”. Nel giugno 2013 furono tredici le persone finite sul registro degli indagati in Procura, accusati di disastro doloso, inquinamento delle acque e del sottosuolo, gestione abusiva di discarica e abbandono di rifiuti speciali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Tragedia a Bellolampo: uomo ucciso da una cavalla durante il parto, grave il figlio

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

Torna su
PalermoToday è in caricamento