Alunni disabili senza assistenza, continua la protesta: in piazza anche i precari del settore

Il servizio è stato sospeso da circa un mese. Per chiedere di mettere fine ai disagi le famiglie dei ragazzi si sono incatenate ai cancelli dell'istituto Majorana. Orlando scrive a Crocetta: "Garantire il diritto allo studio"

Disabili delle scuole superiori palermitane ancora senza assistenza. Per questo i precari delle cooperative che dovrebbero svolgere il servizio stamattina sono tornati a protestare davanti palazzo D'Orleans. Solo sabato scorso il sindaco Leoluca Orlando ha pubblicato sul suo profilo Facebook la lettera inviata al Presidente della Regione Rosario Crocetta e all'assessore regionale delle Politiche sociali per sollecitarli ancora una volta ad intervenire e mettere fine ai disagi degli alunni disabili e delle loro famiglie. 

"Una recente legge regionale - scrive il sindaco nella lettera - ha trasferito proprio alla Regione le competenze per l'organizzazione di tali servizi, ma di fatto non è stato compiuto alcun atto concreto, determinando la paralisi. Nell'ultimo quadrimestre del 2016 la città metropolitana ha garantito lo svolgimento dei servizi, senza per altro aver un rimborso da parte della regione. Oggi con la nuova normativa, le città metropolitane si trovano con le mani legate, in una situazione resa ancora più grave dal fatto che fra poco scadrà il periodo di esercizio provvisorio del bilancio regionale. È quindi urgente che la Regione avvii un confronto perché non si interrompano servizi essenziali a garantire il diritto allo studio. In questo senso credo necessario che la competente commissione dell'Assemblea Regionale Siciliana convochi il Governo, le città metropolitane e i consorzi perché si trovi una soluzione urgente".

Per accendere i riflettori sul tema e spronare chi di dovere a trovare uno soluzione al problema, lo scorso 20 gennaio le famiglie dei ragazzi disabili si sono incatenate ai cancelli dell'istituto Majorana. I loro figli sono senza assistenza in aula, dal rientro post vacanze natalizie. In quella occasione l'associazione nazionale di famiglie di persone con disabilità incredula aveva commentato: "Se restiamo sgomenti nel sapere che il diritto all'inclusione scolastica viene così pesantemente e costamente violato, ancora di più ci sconforta sapere che per tentare di farlo rispettare bisogni incatenarsi ai cancelli e che nemmeno questo sia sufficente. I diritti sono di tutti e ci riguardano tutti".

Stamattina anche i lavoratori del settore hanno chiesto un incontro urgente con il Governatore Crocetta. Sarà la volta buona?
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

Torna su
PalermoToday è in caricamento